Posts in tag

alternativerock



Lavoro orgasmatico, di ampia capacità seduttiva. A distanza di 30 anni trovare una band in forma così smagliante è rigenerante e stupefacente; i Melvins passano internamente a vari generi senza calcare troppo la mano, azzeccando una formula compatta e coesa che, pur spingendoli lontano dalle sperimentazioni (esigenza artistica o a corto di idee?), rende comunque giustizia al loro potenziale energetico di mostri divini della musica. Dal 20 aprile in uscita libera! Non fatevelo scappare…

17 Condivisioni
Share

Come tante carriere soliste cominciate all’ombra di un gruppo importante ed ingombrante, quella di Albert è cominciata in sordina, ma grazie alla sua solidità e bravura sta acquistando una dimensione notevole, nulla di storico, ma qualcosa di molto ma molto piacevole.

3 Condivisioni
Share

Makhno, questo il moniker scelto dall’artista, ci regala otto tracce dal sapore alternative eletro rock, con vaghi richiami psichedelici.

19 Condivisioni
Share

Il taglio delle loro composizioni è un qualcosa che farà la gioia di chi ama il post punk e la new wave, ma una delle peculiarità notevoli è l’andare sempre oltre, una ricerca costante e pienamente conseguita di un suono personale e maturo.

3 Condivisioni
Share

Nervoso, cangiante, flessuoso, verde e grigio, blu e bellissimo da esplorare questo è Fleuve, un’opera che ricorda in qualche maniera le prime cose dei connazionali Deus, ovvero un’esplorazione di linguaggi sonori e di somatizzazioni musicali.

9 Condivisioni
Share

Perché quando giunge il tempo di mollare gli ormeggi è tempo di grande eccitazione? Il viaggio sonoro che i quattro Rigolò di Ravenna ci fanno intraprendere ha tutte le qualità principali che identificano la bellezza. Ascoltare un prodotto che accarezza la passione e la voglia di musica ricreando un nuovo e più allettante luogo di comunicazione/espressione credo sia raro, quindi un privilegio da non sottovalutare.

34 Condivisioni
Share

Some More White Noise è il nuovo lavoro di Gabriele Ragonesi. Un album che spazia dal rock al progressive passando da soluzioni più raffinate tra l’elettronica e la new wave. Un bel concentrato di tutto, senza mai cadere nel banale e nello scontato, ma tutto originale e soprattutto interessante.

Share

Fare indie rock non è facile, e ancora più difficile è farlo bene con cognizione di causa, esprimendo qualcosa che non siano sole pose pseudo esistenzialiste.

2 Condivisioni
Share

Quinto album per gli Api Uiz trio Francese dislocato a Bordeaux in formazione dal 1995.

9 Condivisioni
Share

Dal Golfo dei Poeti, 4 rocker, che da un decennio suonano insieme musica infuocata ricca di slancio, personalità e durezza, danno ora vita al quinto capitolo full-lenght della loro gloriosa carriera. MEDUSA incarna un album prodigioso e travolgente nel quale è preponderante lo stile hard + proto-punk che loro, dal forte legame col mare, hanno trasformato nell’accezione particolare di SAILOR ROCK!

54 Condivisioni
Share

van Borsari in arte Oscar di Mondogemello è un cantautore modenese classe ’81 che, dopo oltre vent’anni da batterista per diverse formazioni locali decide di incarnare le vesti del songwriter ed il risultato è un cantautorato italiano atipico, costruito con synth, chitarra e loopstation.

11 Condivisioni
Share

Situati a Milano, i 5 ragazzi dei LSL, compilano un 8 pezzi di notevole interesse, grinta ed attenzione particolare alle voci, edificando un grande album da far macinare nel quotidiano al fine di scoprire un’energia alternativamente rock che metterà al bando il regno della noia e della passività!

30 Condivisioni
Share