Vetusta – Abituarsi

Vetusta – Abituarsi

“Abituarsi” è il nuovo album dei Toscani Vetusta targato Revubs interamente cantato in italiano.
Un cd dal sound genuino, che vede influenze rock e stoner il cui suono leggero ma deciso, rende questo disco attuale e al passo con i tempi.
Il combo di Pistoia, con questo album dimostra che basta poco per creare qualcosa di unico e perfetto.

Un sound lineare, leggero, il cui moto ondulatorio è determinato da picchi di suoni leggermente adrenalinici, ben supportati da un basso chiaro che riesce comunque a scaldare l’ambiente reso ancora più particolare da una linea di batteria ridotta ai minimi termini ma che sicuramente lascia un contributo importante alla causa.

Tutto ovviamente amalgamato a dovere da una voce preparata e ben assestata che riesce ad infondere sensazioni positive, “Niente”, “Autogril” per citarne alcune.

Un album corposo, che riesce a scaldare l’atmosfera anche quando, la dimensione dei suoni migra verso intenti più melodici quasi melanconici “Liceale”, e che riprendono la corsa in maniera frenetica con la traccia di chiusura “Ilarità”.

I Vetusta sono la dimostrazione che l’underground italiano e vivo e vegeto e ricco di bands valide.

L’ennesimo colpo messo a segno un altro importante tassello nel cammino della band.

ETICHETTA: Revubs

TRACKLIST
01. Abituarsi
02. Niente
03. Liceale
04. Autogrill
05. Ilarità

LINE-UP
Marco Volpi: voce e chitarre
Giulio Peruzzi: chitarre elettriche
Leonardo Barni: batterie e cori
Lorenzo Grieco: bassi e cori
Giulio Soldati: trombe, tastiere, synth e cori

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Mudhoney, ad aprile il nuovo album. Condiviso il primo singolo

Dopo un silenzio discografico durato quattro anni (escludendo split singles e la ristampa espansa del 2021 per il trentennale di “Every good boy deserves fudge”, infatti, risale al 2019 l’ultima pubblicazione di materiale ufficiale, l’Ep “Morning in America”) tornano i Mudhoney

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.