Best Of 2014 – Alberto Centenari

Best Of 2014 - Alberto Centenari 1 - fanzine

Best Of 2014 – Alberto Centenari

Mentre scrivo queste righe mancano pochi giorni alla fine dell’infausto anno 2014, nel quale accadimenti personali e disastri meteorologici si sono aggiunti alla sempre più infinita discesa nel baratro politico/sociale verso il quale la nostra ormai agonizzante società rotola da anni, riuscendo a battere così un già devastante 2013.

Molte belle persone conosciute, che hanno oscurato una marea di personaggi grotteschi di cui purtroppo la vita è colma, hanno riempito vuoti e stati d’animo e per questo le ringrazio: pur essendo alle soglie del mezzo secolo, su questa terra non si finisce mai d’imparare, specialmente se si ha la fortuna di confrontarsi con le persone giuste, a dimostrazione che la saggezza non va affatto a braccetto con vecchiaia, la si può avere anche a vent’anni e non c’entra assolutamente nulla con l’esperienza.
Parlando di musica, la storia cambia totalmente: a dispetto dei santi il 2014 ha regalato enormi soddisfazioni, nel metal e nell’hard rock si sono confermate o sono arrivate all’esordio band con album bellissimi, a confermare uno stato di grazia che dura ormai da diversi anni, portando l’underground (checché ne pensino i detrattori) ad un livello qualitativo mai così elevato.
La mia collaborazione con Iyezine si è intensificata ed ho avuto così la possibilità di parlare non solo di album riguardanti il metal estremo, ma di spaziare tra tutti i miei generi preferiti, confrontandomi con il metal classico, l’hard rock e l’alternative.
Per questo che ho deciso di dividere le mie preferenze in due “classifiche” separate, una per il metal (inteso nel senso più autentico del termine) ed una hard rock: gli album non sono stati inseriti secondo un ordine di preferenza, trattandosi essenzialmente di un elenco dei lavori a mio avviso più significativi.
Un’ultima considerazione: il sottoscritto non si considera un “recensore”, ma cerca di descrivere la musica incisa dall’artista, cercando di trasmettere per quanto possibile le proprie sensazioni a chi ci legge, senza emettere giudizi trancianti; per questo nei miei articoli e in quelli scritti dagli altri collaboratori di Iyezine non troverete praticamente mai delle bocciature, semplicemente perché i dischi che non piacciono non vengono trattati anche perché costretti a filtrare in senso qualitativo la sempre crescente quantità di materiale che ci viene proposta.
Vi lascio salutando tutti gli artisti e i gruppi dei quali ho avuto la fortuna di ascoltare le opere; alcuni di questi li ho potuti conoscere sia virtualmente sia di persona, esempi positivi di un mondo che, alla faccia dell’anagrafe impetuosa, continuo mio malgrado a considerare magico … stay metal and rock on !

Metal Estremo e Classico:

Ideogram – Life Mimics Theater

https://www.iyezine.com/ideogram-life-mimics-theatre

Un’opera entusiasmante nella quale vengono disintegrate barriere e valicati confini: il pianeta musica poche volte è apparso così florido e vitale.

Cadaveria – Silence

https://www.iyezine.com/cadaveria-silence

Al quinto album di una discografia che negli anni non ha accusato alcuna caduta di tono, Cadaveria con la sua band continua a regalare opere oscure con disarmante naturalezza.

Circle Of Indifference – Shadows Of Light

https://www.iyezine.com/circle-of-indifference-shadows-of-light

Spettacolare esordio dei Circle Of Indifference con questo magnifico “Shadows of Light”.

D.A.M – The Awakening

https://www.iyezine.com/d-m-awakening

Dopo l’ottimo Ep “Phantasmagoria”, a distanza di pochi mesi ancora un centro pieno per i D.A.M.

Maahlas – Nightmare Years

https://www.iyezine.com/maahlas-nightmare-years

Uno splendido affresco di musica estrema, dove black, death e sontuose parti progressive creano un caleidoscopio di atmosfere magniloquenti.

Holy Shire – Holy Shire

https://www.iyezine.com/holy-shire-midgard-2

Interessante debutto per i lombardi Holy Shire,che si allontanano dai soliti clichè symphonic per un album folk/epic metal d’autore.

Temperance – Temperance

https://www.iyezine.com/temperance-temperance

Stupefacente esordio omonimo per i Temperance, con un symphonic metal dal grande appeal commerciale.

Mastercastle – Enfer (De La Bibliotheque Nationale)

https://www.iyezine.com/mastercastle-enfer-de-bibliotheque-nationale

Con questo stupendo ultimo lavoro i Mastercastle raggiungono l’apice della loro pur notevole discografia.

Epistheme – Descending Patterns

https://www.iyezine.com/epistheme-descending-patterns

Ogni traccia di quest’album è un piccolo gioiello metallico, e l’alternarsi di emozionanti atmosfere, il susseguirsi di scariche elettriche e di passaggi più ariosi, ne fanno un’opera impossibile da ignorare.

Witches Of Doom – Obey

https://www.iyezine.com/witches-of-doom-obey

“Obey”, primo album dei romani Witches of Doom, raccoglie il meglio del dark – doom – gothic mondiale attraverso nove brani dal grande appeal.

Derdian – Human Reset

https://www.iyezine.com/derdian-human-reset

Bellissimo lavoro da parte dei Derdian, potenza e melodia al sevizio del metallo pesante.

Crazy Rain – Life Illusion

https://www.iyezine.com/crazy-rain-life-illusion
Grandissimo ritorno per i Crazy Rain con “Life Illusion”, stupendo spaccato di heavy metal tradizionale.

Eldritch – Tasting The Tears

https://www.iyezine.com/eldritch-tasting-tears

Un album privo di cadute di tono, dove tutto è straordinariamente al suo posto grazie alla classe e all’immenso talento che gli Eldritch elargiscono costantemente a piene mani.

Dark Mirror Ov Tragedy – The Lunatic Chapters Of Heavenly Creatures

https://www.iyezine.com/dark-mirror-ov-tragedy-the-lunatic-chapters-of-heavenly-creatures

I Dark Mirror Ov Tragedy ci regalano una vera opera horror, drammaticamente romantica e dotata di un fascino irresistibile.

Nefesh – Contaminations

https://www.iyezine.com/nefesh-contaminations
Album d’autore per i Nefesh, splendida realtà del metal tricolore e grande acquisto in casa Revalve.

Origin – Omnipresent

https://www.iyezine.com/origin-omnipresent

Spettacolare ritorno della band di Topeka con questo devastante massacro brutal death dal titolo “Omnipresent”.

Mechina – Xenon

https://www.iyezine.com/mechina-xenon

Il futuro della musica estrema.

Noveria – Risen

https://www.iyezine.com/noveria-risen

Debutto capolavoro per i Noveria con un progmetal di livello stellare.

Revel In Flesh – Death Kult Legions

https://www.iyezine.com/revel-flesh-death-kult-legions

Uno dei migliori dischi old school death metal dell’anno.

Phaze I – Uprising

https://www.iyezine.com/phaze-uprising
I Phaze I ci regalano un capolavoro di metal estremo, tra thrash, black ed elementi sinfonici , geniale nella sua costante mutazione, pur mantenendo una tensione elevata per tutta la sua durata

 

Hard Rock, Prog, Alternative:

Swallow My Pride – Cleo

https://www.iyezine.com/swallow-my-pride-cleo

Un caleidoscopio di umori e suoni che, partendo da una forte impronta grunge/alternative, porta a viaggiare senza meta all’interno degli anni novanta, nel meglio che il rock ha regalato in quel decennio.

Active Heed – Higher Dimensions

https://www.iyezine.com/active-heed-higher-dimensions

Consigliato non solo ai fan del progressive, ma anche a tutti gli amanti della buona musica, trattandosi in buona sostanza di un’opera irrinunciabile.

Hangarvain – Best Ride Horse

https://www.iyezine.com/hangarvain-best-ride-horse

Esordio bomba per i napoletani Hangarvain con il loro “Best Ride Horse”, hard rock zeppo di influenze southern e post grunge.

The Sunburst – Tears Off Darkness

https://www.iyezine.com/the-sunburst-tears-off-the-darkness

Gran bel disco l’esordio dei savonesi The Sunburst, il meglio dell’ultimo ventennio di hard rock altenativo tutto in un unico album.

Elevators To The Grateful Sky – Cloud Eye

https://www.iyezine.com/elevators-to-the-grateful-sky-cloud-eye

Un viaggio lisergico, senza confini musicali, un tuffo nel meglio dello stoner/doom degli ultimi vent’anni, con acrobatiche escursioni nella psichedelia e nell’hard rock settantiano.

Revenge – Survival Instinct

https://www.iyezine.com/revenge-survival-instinct

Il metal americano degli esordi si sposa all’hard rock stradaiolo e ne esce un lavoro stupendo.

Nightingale – Retribution

https://www.iyezine.com/nightingale-retribution

Ennesimo capolavoro dei Nightingale di Dan Swanö, un altro stupendo affresco di musica a 360° da parte del genio svedese.

The Tea Party – The Ocean At The End

https://www.iyezine.com/the-tea-party-the-ocean-at-the-end

“The Ocean At The End” è l’ennesima perla regalata della band canadese.

Blackwater – River

https://www.iyezine.com/blackwater-river

“River” è un ottimo lavoro di post grunge dall’appeal commerciale altissimo.

Diamante-Ad Vitam Reditus

https://www.iyezine.com/diamante-ad-vitam-reditus

Sonorità hard rock seventies e prog rock nel bellissimo nuovo album dei Diamante.

Steve Foglia – Steve In Wonderland

https://www.iyezine.com/steve-foglia-steve-in-wonderland

Grandissimo secondo lavoro solista per Steve Foglia, con questo strepitoso omaggio ad un genere immortale.

Mother Road – Drive

https://www.iyezine.com/mother-road-drive

Capolavoro hard blues da parte dei Mother Road.

Blackberry Smoke – Leave A Scar:Live In North Carolina

https://www.iyezine.com/blackberry-smoke-leave-scar-live-in-north-carolina

Doppio cd live per i fenomenali Blackberry Smoke, omaggio a questa grande band southern nel pieno delle sue potenzialità.

Arrjam – Session One

https://www.iyezine.com/arrjam-session-one

Funambolico esordio del progetto Arrjam.

Corrosion of Conformity – IX

https://www.iyezine.com/corrosion-of-conformity-ix
Ultimo e bellissimo album dei grandi Corrosion Of Conformity.

Jack White – Lazaretto

https://www.iyezine.com/jack-white-lazaretto

Ennesimo capolavoro del sempre più geniale Jack White.

Inside The Hole – Impression
https://www.iyezine.com/inside-the-hole-impressions

Fantastico secondo lavoro per gli Inside the Hole con il loro hard rock/blues da leggenda.

Sitra’s Monolith – Sitra’s Monolith

https://www.iyezine.com/sitras-monolith-sitras-monolith

“Sitra’s Monolith” si candida prepotentemente come l’album hard rock dell’anno visto che difficilmente potrà essere superato, anche a livello internazionale.

Rival Sons – Great Western Valkyrie

https://www.iyezine.com/rival-sons-great-western-valkyrie

Quarto album e ancora grande hard rock settantiano per i Rival Sons.

Tags:
1 Comment
  • Dagfinn Övstrud
    Posted at 22:14h, 21 Dicembre Rispondi

    Alberto my friend, you certainly have a way with words, which even in a broken translation via Google makes me very proud and honoured. Thank you very much!

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.