iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Planethard – Now

Il nuovo album dei Planethard è la migliore espressione dell'hard rock del nuovo millennio.

Planethard – Now

Ritornano i Planethhard, gruppo italiano alla quarta uscita dopo l’Ep di debutto una decina di anni fa ed altre due lavori nel 2008 e nel 2011 (“Crashed On A Planet Disco” e “No Deal”) che hanno preceduto la prestigiosa firma con Scarlet Records.

Il nuovo bellissimo lavoro, che porta in dote il nuovo vocalist Davide Merletto, vede la band milanese sterzare verso lidi più moderni, dando al proprio hard rock una grossa spinta verso quella consacrazione che a questo punto diventa inevitabile, visto il livello delle canzoni racchiuse in Now.
Il nuovo vocalist regala una prova sontuosa, tutta grinta e personalità, un’autentica sorpresa nonché valore aggiunto per il gruppo ma anche la sezione ritmica, mai così dirompente, e la chitarra del buon Marco D’Andrea, che strabilia e graffia, aggiungono ancor più valore al già immenso lavoro compositivo.
La produzione letteralmente sfonda, facendo deflagrare il sound del gruppo dalle casse dello stereo in un tornado di suoni hard rock moderni, sapientemente dosati dal combo, ultra melodici pur dotati di una forza ed un appeal straordinari.
Siamo alle solite, questo lavoro otterrebbe sicuramente un successo enorme se suonato da una qualsiasi delle band mainstream, proprio per la capacità della band di rockare mantenendo sempre un gusto melodico ed una tensione altissima, grazie ad una serie di brani dal grande impatto.
Infatti, fin dall’opener Play Harder è un vero piacere passeggiare sul Planethard, lasciandoci travolgere da questa valanga di riff e melodie che incantano, restando letteralmente rapiti da questi quattro musicisti che, stavolta, hanno davvero fatto centro.
Now è l’espressione dell’hard rock del nuovo millennio, un travolgente mix di sonorità graffianti e toste prese direttamente dal genere più classico, violentate dagli umori del rock mainstream del nuovo continente, e suonato da musicisti sopra la media, in grado di ridimensionare le ultime uscite fuori dal territorio nazionale, assurgendo a nuovi paladini del genere grazie ad un album davvero eccezionale.

Tracklist:
1. Play Harder
2. The One
3. Awake
4. Neverfailing Superstar
5. 15′ of Fame
6. Inglorious Time
7. Shall Will Be Safe
8. Don’t Say Goodbye
9. She’s All Over
10. Fight It Out
11. Underworld
12. Now

Line-up:
Davide Merletto – Vocals
Marco D’Andrea – Guitars
Alex Furia – Bass
Stefano Arrigoni – Drums

PLANETHARD – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Kensington – Control

La band capitanata da Casper Starreveld ha creato un album che ha il destino già scritto prima di arrivare all’orecchio dei fans, una raccolta di canzoni pregna di atmosfere melanconicamente melodiche, con più di un riferimento al rock alternativo degli ultimi vent’anni, molto britannico concettualmente, ma assolutamente già sentito sui canali e radio specializzate in musica e cultura indie.

The Pier – The Pier

Per gli amanti del genere un album da ascoltare a più riprese, ed una band da seguire visto l’enorme potenziale artistico.

Somnium Nox – Apocrypha

Con coraggio e personalità i due musicisti australiani incorporano in un’unica opera quella che è stata l’evoluzione del genere dagli ormai lontani primi anni novanta