Posts in tag

alternativerock



I disco si dipana molto bene, raggiungendo in certi momenti apici notevoli, soprattutto grazie alla felice commistione di vari generi, supportati da una grande dinamicità.

Condivisioni 1

Dai paradisi del college rock dei primi anni ottanta, sino ad una lettura in chiave Lo-Fi delle tematiche pop care agli Hoops, esce con l’apporto della Fat Possum un disco primo che convoglia elementi variegati restituitici sotto forma di oscura, sognante, genialoide magnificenza: tutto scorre, ma non così veloce.

Condivisioni 8

qui è tutto luminoso e chiaro, come un bella ventata di aria fresca, e questo pop è qualcosa che fa piacere ascoltare, e sarà anche il preludio di un ottimo disco, se le premesse sono queste.

Condivisioni 20

Ep di esordio per il Gigante, gruppo molto interessante di Foligno, che arriva qui alla prima pubblicazione. I membri del gruppo sono molto attivi nella scena musicale spoletina, e militavano insieme negli Sluggish Tramps, e hanno poi altri progetti. La musica del Gigante è un noise stoner con testi cantautorali, ottime idee musicali e davvero …

Condivisioni 13

Arriva il disco di Roma, la secolo Vincenzo Romano da Eboli, notevole cantautore rock indie. Nel 2004 Vincenzo fondò i C.a.t.t.u.r.a. , gruppo che arriva anche al Mei del 2207, e che rappresenta la prima esperienza musicale per lui. Il gruppo si sciolse nel 2008 e da lì Vincenzo scrisse musica e canzoni che poi …

Condivisioni 9

Le Courtneys suonano lo slacker-pop esattamente come andrebbe suonato: voci accattivanti e guitar-driven sound. Impeccabili!

Condivisioni 2

Dischi come Quasi sono talmente belli che non cambiano la vita, ma aumentano al distanza fra noi e l’abisso ritardando la caduta.

Condivisioni 20

Il flusso è molto forte e lasciatevi trascinare da questo suono nuovo, che vi darà molte soddisfazioni.

Condivisioni 13

Con questo disco i Captain Mantell ribadiscono di essere fuori dal comune, e portano avanti un percorso musicale unico ed ottimo, che spazia ovunque come è giusto che ci sia

Condivisioni 28

Cosa aggiunge “The Shocking Fuzz Of Your Electric Fur”, ritorno in sordina dei Veldt, al calderone shoegaze? Chili di nulla

Condivisioni 5

Impeccabilità è la parola d’ordine, l’ascoltatore più distratto potrà notare la cura del sound e degli arrangiamenti. Gli Inglesi Mike Deuce, Ben Sansom, Eddy Thrower e Declan Hart insieme sono un conglomerato di puro rock, come gli ormai conosciutissimi Biffy Clyro e Foo Fighters. Parliamo dei Lower Than Atlantis che arrivano in questo 2017 dopo anni di dischi (ben 4 alle spalle) e concerti presentando Safe in Sound, in assoluto il loro album meglio riuscito e meglio maturato.

Condivisioni 1