Nono disco per Aimée Mann, che si conferma superba cantautrice per certi versi controcorrente, almeno per la piega data ai testi che compongono l'album "Mental Illness", ma nella forma troneggia un folk rock dei gloriosi tempi andati che ce la fa accostare a Joni Mitchell. I toni sommessi di questo lavoro, consolatori, sono abilmente ricamati...

La disarmante lucidità e pulizia del suono intrigherà colui che avrà il coraggio di cominciare una magnifica avventura sonora che possiede forza narrativa ed evocativa come solo i Giganto di Madrid potevano realizzare negli studi di Santi Garcia: seducenti trame oscure pescano e uniscono math, post, surf, psych, metal, genio e stile = "Latigo, canta"....