iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : TY SEGALL – THREE BELLS

TY SEGALL – THREE BELLS

Sessantasei minuti di durata. E uno potrebbe chiedersi: “Ma si è messo a fare prog. rock?” Per fortuna no, però è evidentente il dato di fatto che a Ty Segall vada ormai stretto l’appellativo/etichetta “garage rocker”, vista l’evoluzione (o involuzione, dipende dai punti di vista) sonora che, nel corso dell’ultimo decennio, ha portato il menestrello californiano a inglobare, nella sua proposta musicale solista, una gamma di elementi (prevalentemente cantautoriali, folk, psichedelici e acustici) meno ruspanti e rozzi rispetto ai primi anni di attività in cui il nostro sfornava, a getto continuo, album dal piglio scapestrato e lo-fi strettamente imparentato col garage punk.

Sarà l’avvicinarsi dei quaranta anni e l’aver “messo la testa a posto” nella sua sfera privata (è da poco diventato genitore insieme alla moglie, collaboratrice/musa artistica Denée) ma il frontman e polistrumentista di Laguna Beach, già da qualche disco a questa parte (almeno nel suo percorso solistico) sembra essersi decisamente calmato, prediligendo sonorità più elaborate e “riflessive” che si scontrano con quanto fatto in passato (fino a un decennio fa) e con gli Lp pubblicati con le band di cui è parte integrante (si pensi solo ai FUZZ o THE C.I.A.). E questa tendenza sonora viene confermata dal nostro anche nell’ultima sua creatura in proprio, “Three Bells“, quindicesimo lavoro sulla lunga distanza uscito, a fine gennaio, su Drag City Records.

Coadiuvato dalla Freedom Band e dalla sempre presente Denée Segall (che ha firmato cinque dei quindici brani del long playing) Ty apre le danze coi cinque minuti di “The bell“, che si muove su un dinamico binario acustico/elettrico e gioca sui cambi di tempo e influenze che riecheggiano Neil Young, John Lennon e Big Star. Si prosegue poi con “Void“, singolo dalle reminiscenze Zeppeliniane fritte nella psichedelia fuzzata, mentre in “I hear” si odono chiare ispirazioni Bowie-oriented e “Hi Dee Dee” aggiunge al mosaico anche una componente funk. “My best friend” (uno dei migliori pezzi del lotto) sa di Beatles tornati scazzati dall’India a sfogare le loro migliori energie psych sul “White album” dopo averne avuto abbastanza delle chiacchiere spirituali del Maharishi, “Reflections” scivola via senza sussulti, “Move” vede alla voce Denée in un bizzarro ibrido hard rock/proto-punk. In “Eggman” torna il sound dei quattro Scarafaggi di Liverpool riprocessato e manomesso da una coda finale noise rock, ed echi di “Fab Four” imbastarditi da trame fuzz-rock connotano pure la successiva, HarrisonianaMy room“. Se “Watcher” si districa lungo sentieri heavy rock, e “Repetition” suona come un riempitivo, la lunga “To you” si dipana in maniera interessante su trame elettro(nico)-acustiche e “Wait” sembra resuscitare i late Sixties dei Pink Floyd Barrettiani miscelati coi Pretty Things (periodo “S.F. Sorrow“). “Denée” è un tributo di Segall alla sua consorte: niente di sdolcinato, ma quasi sei minuti di esperimento che sconfina nel math rock/jazz, e la litania psych-folk di “What can we do” chiude il full length.

Non che debba essere per forza un male rallentare il passo e maturare, se la musica proposta continua a essere suggestiva e migliorata in qualità (e in questo senso si inserisce anche il suo passaggio in tour, in versione acustica, per alcune date in Italia a fine agosto) e pur ritenendo più che valido – anche se abbastanza prolisso – “Three Bells“, e restando immutati stima e affetto nei suoi confronti, continuiamo a preferire Ty Segall in una veste sonica più essenziale, grezza e senza troppi orpelli. Visti i tempi bui che corrono nel mondo, però, constatiamo che queste “tre campane” almeno non suonano a morto.

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Peawees, a settembre il nuovo album

Si intitolerà “One ride” il nuovo album dei garage rockers Peawees, che faranno uscire il loro ultimo lavoro discografico il 6 settembre su Wild honey records (con licenza esclusiva nordamericana per Spaghetty town records e in Spagna per Folc records). Per l’ormai veterana band di

THE UNCLAIMED – CREATURE OF THE MAUI LOON

Non è certo un’impresa facile quella di trattare del nuovo album di una band sapendo che in realtà (e con buona probabilità) potrebbe anche esserne l’ultimo perché, poco tempo prima della sua uscita, essa ha perso il suo frontman, membro fondatore e fulcro principale. C’è

BLACK GRAPE – ORANGE HEAD

Chi l’ha detto che tutte le droghe fanno male? A giudicare dalla bontà del nuovo album dei Black Grape, “Orange Head“, non si direbbe. All’inizio di quest’anno, infatti, la band-supergruppo formata dal frontman Shaun Ryder (e che agli inizi vedeva in formazione anche Bez, altro

JESUS AND MARY CHAIN – GLASGOW EYES

Con buona pace dei ragazzi di “Trainspotting“, alla fine essere scozzesi, in fondo, non è poi così merdoso, se si pensa che in quelle terre, circa quaranta anni fa, germogliò una scena indipendente minimalista jangle/guitar/bedroom/twee/dream/noise pop che ci ha regalato gruppi come Vaselines, Pastels, Shop