iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : YO LA TENGO – THIS STUPID WORLD

Yo la tengo : "This stupid world" è un titolo perfetto per riassumere la follia nella quale tutta l'umanità è immersa, un mondo degenerato e sempre più imbruttito da vedere e vivere

YO LA TENGO – THIS STUPID WORLD

Questa prima parte di 2023, per fortuna, non ci sta riservando soltanto addii dolorosi a musicisti amati (Van Conner, Tom Verlaine e altri) ma anche eccellenti ritorni discografici, e uno di questi, senza dubbio, è rappresentato dal nuovo disco degli statunitensi Yo La Tengo, ormai veterani indie rockers sulle scene da quasi quattro decadi, che hanno dato alla luce il loro diciassettesimo album ufficiale, “This stupid world“.

Il trio di Hoboken, dopo le registrazioni strumentali in tempo di pandemia, e a cinque anni di distanza dall’ultima vera fatica discografica, “There’s a riot going on” (forse l’ultimo capitolo di un percorso che, iniziato nel 2009 con “Popular Songs“, aveva visto i coniugi Ira KaplanGeorgia Hubley e James McNew mettere da parte elementi musicali energici ed elettrici per abbracciare una nuova prospettiva legata alle sperimentazioni di nuove tecnologie di registrazione, lunghe divagazioni e improvvisazioni libere da canoni e stili predefiniti, e sonorità più raccolte, evanescenti e indolenti) torna finalmente a un processo compositivo più sfrontato, chitarristico e a un approccio alla musica meno mediato da attitudine confidenziale e “poliglotta” e più improntato alla presa diretta del “buona la prima”, senza troppi fronzoli, autoproducendosi.

Il long playing inizia subito con un trip spazio-temporale, “Sinatra drive breakdown“, brano che musicalmente richiama i Sonic Youth più motorik e dissonanti e un vibe alla “Bela Lugosi’s dead“, e si parte subito benissimo. La successiva “Fallout” sembra già possedere le carte in regola per diventare un nuovo classico e cavallo di battaglia da far deflagrare dal vivo, con un sound che strizza l’occhio agli Stereolab e si riallaccia al passato dei nostri, quello di dischi come “Electr-O Pura” e “Painful“. Si prosegue su “Tonight’s episode“, che si regge su un drone chitarristico che imperversa lungo tutta la durata del pezzo, mentre “Aselestine” scorre lenta e malinconica, caratterizzata dalla voce di Georgia sospesa tra Nico e Laetitia Sadier. “Until it happens” e “Apology letter” sono tra i pochi momenti in cui il ritmo rallenta, ma la qualità non cala, e in quest’ultima si avverte chiara l’influenza di Lou Reed, pur rifacendosi alle atmosfere di “I can hear the heart beating as one“, che ci conducono a uno dei migliori brani del lotto, “Brain capers“, che parte rilassata, quasi in sordina, per poi esplodere in un florilegio di feedback e distorsioni noise che sacrificano ancora Sonic Youth/Thurston Moore, Stereolab e Velvet Underground sull’altare dei numi ispiratori. E ancora più eargasms suscita – nei timpani di chi è avvezzo a certe sonorità – la title track, ovvero un bignami di sette minuti di sarabanda rumoristica à la “Sister Ray” dei VU, mentre la conclusiva “Miles away” è un viaggio distopico che mescola Boards Of Canada, My Bloody Valentine e Sigur Rós con l’elettronica.

This stupid world” è un titolo perfetto per riassumere la follia nella quale tutta l’umanità è immersa, un mondo degenerato e sempre più imbruttito da vedere e vivere, in questi anni infestati dall’oscurantismo morale, politico e religioso del neofeudalesimo schiavista reintrodotto dal capitalismo neoliberista globalista che sta velocemente distruggendo il pianeta Terra, tra guerre di interessi economiche/geopolitiche e militari interminabili e inquinamento dell’atmosfera, dell’acqua, del cibo, del suolo e delle coscienze di qualche miliardo di esseri (poco) umani. A livello musicale, salutiamo con piacere questo questo full length che riporta i Yo La Tengo a una dimensione più ruspante, ed è uno di quegli album che già adesso potrebbe facilmente candidarsi a essere inserito in una potenziale classifica dei migliori Lp dell’anno.

YO LA TENGO THIS STUPID WORLD

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

SONGS THE WEB TAUGHT US VOL. 15

Bentornata, gentaglia di poca fede, nuovo appuntamento (primo di questo nuovo anno) con “Songs The Web Taught Us“. Perdonate la lunga assenza, ma il vostro Reverendo è stato parecchio indaffarato, tra gli ossequi all’immacolato cuore di Mari(juan)a, la consueta gita natalizia a Betlemme per salutare

J. MASCIS – WHAT DO WE DO NOW

J. Mascis è un porto sicuro in cui rifugiarsi quando si ha bisogno di certezze e si vuole scappare dalla mediocrità generale imperante e dalla musica dimmmerda che ci circonda (soprattutto in questo periodo in cui imperversa ancora l’olezzo maleodorante dell’onda lunga del pre- e

FUZZTONES – LIVE AT THE DIVE ’85

Il Dive, a New York, è stato un mitologico club assurto a Mecca del garage punk, o “garage revival”, ossia quel (sotto)genere nato, agli albori degli Eighties, unendo in un matrimonio distorto e fuzzato il garage rock pre-1967 (anno in cui ci fu l’avvento del

THE DEVILS – LET THE WORLD BURN DOWN

Appena usciti dal delirio del circo sanremese (a proposito… se lagggente italica pensasse a risolvere i gravi problemi che flagellano l’Italia con la stessa attenzione maniacale e lo stesso fanatico trasporto emotivo, quasi da guerra santa religiosa, con cui si occupano del festivàl di Sanscemo,