Sigur Rós – Valtari

Sigur Rós – Valtari

I Sigur Rós, passati quattro anni dall’ultimo lavoro in studio (“Með suð í eyrum við spilum endalaust”) e nemmeno dieci mesi dal disco live Inni, mettono da parte l’inglese e i tentativi di vivacizzare il loro suono per sfornare (nuovamente) musiche caratterizzate da ampio minutaggio, atmosfere dilatate e forte capacità emotiva. A noi il sesto capitolo della formazione islandese: Valtari.

Ad aprire il disco troviamo l’eterea delicatezza di Ég Anda che, tra sottili cori, tempi dilatati, chitarre, archi e altri strumenti, lascia emergere la voce di Jonsi (quasi sembra di percepire un’esplosione senza esplosione), creando una mescola sonora dal fortissimo impatto emotivo.
Ekki Múkk, in seconda posizione, prosegue mantenendosi placida e trasognata, disegnando empatici paesaggi sospesi a mezz’aria (sembra di vivere dentro la copertina del disco) e lasciando spazio alle incisive note di tastiera di Varúð (brano dannatamente ipnotico e coinvolgente).
La crepuscolare Rembihnútur attraversa il nostro cuore lasciandosi guidare dalle scarne ritmiche di batteria, mentre Dauðalogn, con il suo lento svilupparsi e le sue avvolgenti litanie, introduce alla pacata ed emotiva Varðeldur (rivisitazione di Luppulagið).
Infine, l’intensa forza empatica di Valtari (giocata su acute note di glockenspiel) apre alla conclusiva, crescente e coinvolgente Fjögur Píanó.

I Sigur Rós pubblicano un disco compatto e omogeneo dove, a discapito della batteria, ad aver la meglio sono archi, pianoforte, chitarre e voce. Il risultato complessivo è un lavoro dai forti connotati ambient che preferisce instaurare un legame con il passato della band piuttosto che tentare di sviluppare nuove soluzioni o, per meglio dire, in cui gli islandesi (forti delle loro spiccate doti compositive) incidono canzoni perfette dal punto di vista formale, ma prive d’anima. Un ottimo disco “di maniera”.

Tracklist:
01. Ég Anda
02. Ekki Múkk
03. Varúð
04. Rembihnútur
05. Dauðalogn
06. Varðeldur
07. Valtari
08. Fjögur Píanó

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati

Tropical Fuck Storm - Submersive Behaviour_cover

Tropical Fuck Storm – Submersive Behaviour

È qui e richiede attenzione, perché i Tropical Fuck Storm hanno dimostrato più volte di saper far bene, di saper maneggiare il rock (alternativo, indie, noise, quello che volete) meglio di tanti altri – ma direi di quasi tutti.

Luca Ottonelli

Luca Ottonelli. E’ nato a Genova nel 1969 e ho completato i primi studi artistici avendo come maestro di Figura G. Fasce.