The Queen Is Dead Volume 6

The Queen Is Dead Volume 6

The Queen Is Dead Volume 6: Eccoci qui di nuovo a parlare di musica in una situazione non facile, e che soprattutto non è facile per chi suona e nem...

Eccoci qui di nuovo a parlare di musica in una situazione non facile, e che soprattutto non è facile per chi suona e nemmeno per chi della musica ha fatto il proprio lavoro come i fonici, i meccanici e i carpentieri, o i proprietari di spazi dove vive la musica.

In questo nostro amato ambito non andrà tutto bene, ma noi nel nostro piccolo ciò che possiamo fare è di supportare chi suona parlandone.

Parliamo quindi di musica nuova e molto interessante con il nuovo progetto Monochrome, The City con il loro primo singolo autoprodotto Dissolution. Il terzetto è composto da musicisti di gran pregio come Luca Cadel già nei Who killed the Bassman? E nei Scotch Ale, Filippo Pedretti Celtic Harp Orchestra, Trewa, Hanormale, e ex live session Furor Gallico, e per finire Lucia Amelia Emmanueli anche lei Celtic Harp Orchestra eTrewa.

Il gruppo si forma nel gennaio 2019 ad opera di Cadel e di Pedretti, ai quali si aggiunge nella primavera dello stesso anno la Emmanueli per la formazione definitiva.

L’intento è quello di comporre un’esperienza sensoriale di una città, infatti loro sono mossi dalla domanda come suona una città ? Per i Monochrome, The City suona molto bene, un’elettronica suonata e sognante, un continuo reinventare le forme di ciò che vediamo, fino ad arrivare a vedere qualcos’altro, che potrebbe essere una delle realtà possibili. Dissolution è un pezzo strano per il nostro paese, nel senso che ha una prospettiva davvero musicale, non segue modelli e non ha platee da ammaliare, ma vuole far provare qualcosa e lo fa molto bene.

Il violino di Pedretti si spossa molto bene con i synth e la chitarra di Cadel, e Lucia Amelia spazia con un cantato che è un sogno, senza parole, ma che dice molto più di tanti testi, e siamo in attesa del debutto sulla lunga distanza.

Ci sposThe Queen Is Dead Volume 6 1 - fanzinetiamo di un po’ ma non di molto per andare in Francia e più precisamente a Marsiglia in casa Lazerdiscs, un’etichetta specializzata in synthwave, retrowave e synhtpop che è forse la migliore in giro e che macina sempre grandi uscite, e questa non fa eccezione.

Il produttore inglese Liam Leon centra il bersagio con il suo debutto Memories From The Future, un disco di synthpop e retrowave con un micidiale tiro pop, melodie molto fresche e una voce molto moderna e che al contempo rimanda agli anni ottanta.

Non c’è, per tutta la lunghezza del disco, una canzone che annoi o che sia stucchevole, è tutto molto ben fatto e molto piacevole. Memories From The Future è forse il disco più commerciale della Lazerdiscs ma in senso positivo, è la conferma che un movimento come quello della retrowave e del synthpo partito come nostalgico sia diventato invece un promotore di novità e anche un possibile scalatore di classifiche.

Degna di menzione è la splendida copertina che fa innamorare del disco ancora prima di sentirlo.

MONOCHROME, THE CITY :

LIAM LEON :

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Violino Banfi – Violino Banfi

Ho conosciuto Violino Banfi su Facebook, per caso. Sempre per caso ho beccato proprio il momento esatto in cui stava per fare uscire il suo debutto su CD, questo. Per puro caso l’ho contattato per chiedergli una copia del CD e se voleva una recensione; il caso ha voluto che accettasse.

Helvete’s Kitchen File

Helvete’s Kitchen: etichetta indipendente che si è presa la briga di patrocinare e garantire per questi due favolosi dischi, ma anche per spiegare cosa sia davvero suonare, pensare e vivere a bassa risoluzione.