Castroe Virtual Memory

Castroe Virtual Memory

Castroe Virtual Memory 1 - fanzineCastroe è uno dei giovani produttori più in vista nell’attuale panorama della synthwave e della retrowave.

I suoi lavori sono pubblicati dalla Lazerdiscs Records di Marsiglia, una delle referenze maggiori per i generi suddetti. Il suo nuovo singolo deve moltissimo alla synthwave anni ottanta, e a differenza di altri suoi compagni di scuderia qui sono in maggioranza gli alti rispetto ai bassi. Non che i bassi non ci siano anzi, ma è maggiore la presenza di synth rispetto alla velocità di altri produttori dello stesso genere. Il lavoro è incentrato sulla memoria virtuale e quanto essa si possa intersecare con la memoria che consideriamo vera.

Questo è uno dei temi principali della poetica cyberpunk, che quei è presente come trama portante del disco, e anche in musica.

Castroe riesce a creare in maniera credibile e pressochè perfetta un ottimo connubio fra synthwave, ritmo e suggestioni cyberpunk, per un lavoro di notevole profondità e di alta godibilità. Nel genere synthwave e retrowave è facile produrre lavori derivativi, mentre non è affatto semplice riuscire a portare avanti un discorso musicale originale e personale, che è invece il caso di Castroe.

Un lavoro perfettamente bilanciato e molto valido, sia per chi segue da tempo il genere, sia per chi vuole cominciare ad ascoltare qualcosa dalla quale si staccherà con molta difficoltà.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati