iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : THE C.I.A. – SURGERY CHANNEL

THE C.I.A.: chi vi scrive nutre particolare stima e affetto nei confronti del talento smisurato di Ty Segall, menestrello di Laguna Beach (California) classe 1987 che, da tre lustri a questa parte, si è imposto nel mondo indipendente e DIY come una sorta di piccolo....

THE C.I.A. – SURGERY CHANNEL

Chi vi scrive nutre particolare stima e affetto nei confronti del talento smisurato di Ty Segall, menestrello di Laguna Beach (California) classe 1987 che, da tre lustri a questa parte, si è imposto nel mondo indipendente e DIY come una sorta di piccolo re Mida che trasforma in oro (quasi) tutta la materia che forgia con la sua maestria (sia essa di matrice garage punk, folk, psichedelia, hard rock, musica acustica o elettronica) e che il nostro ha saputo mettere in pratica attraverso un’infinità di pubblicazioni a vario titolo: come solista, come collaboratore in diversi progretti e come membro di varie band.

Proprio in quest’ultima veste Ty è tornato, a inizio di quest’anno, a produrre nuovo materiale con i C.I.A., una delle creature forgiate dal prolifico musicista statunitense, che sotto questo moniker si avvale del supporto della moglie frontwoman Denée e da Emmett Kelly. Il trio ha dato alle stampe, a gennaio 2023, il secondo album ufficiale, “Surgery Channel“, che arriva a cinque anni di distanza dal debutto omonimo e prosegue nel solco delle sonorità synth-punk che avevano già caratterizzato il fulminante long playing d’esordio.

Anticipato dai singoli “Impersonator” e “Bubble“, il disco si presenta, nel suo complesso, a livello sonoro, meno estremo rispetto al suo predecessore, ma comunque inserito in un filone ancora rumorista e distorto, un caos più “ragionato” sul quale si innesta la voce dell’intrigante Denée – ora sussurrata, ora algida, spiritata e sinistra. Dopo un’introduzione “claustrofobica” si parte col primo pezzo di senso compiuto, “Better“, dal sapore joydivisionano, seguito da “Inale Exhale“, nel quale Denée sembra impartire freneticamente ordini come un piccolo sergente isterico, mentre il tema dance-punk di “Impersonator” suona più catchy e accessibile. La title track è divisa in due spezzoni e qui i tre si divertono a sperimentare di più e uscire dalla loro comfort zone, tra i ruggiti ferali di madame Segall e drum programming lasciato a briglie sciolte, libero di dissolversi in un quasi drone. Detto della sensuale “Bubble“, con Denée in modalità femme fatale perversa, la successive “You can be here” e “The wait” sono due synth-punk abbastanza ordinari (se non fosse per il bel ritornello di quest’ultima, tra vocals distorte che inveiscono su un basso deragliante) invece “Construct” osa di più e gioca con rumori di strumenti invertiti e synth contorti. Il disco si chiude con la pulsante “Under” e le atmosfere industrial della conclusiva “Over” con le sue esplosioni elettriche atonali.

Surgery channel” è, in definitiva, un full length più intelligibile rispetto al sound torbido dell’opera prima del 2018 che, in più tratti, veniva soffocata da un mare di riverbero travolgente e da un feedback sfrenato, sotto una coltre di elettronica logora, mentre i brani di questo secondo capitolo risultano essere meglio messi a fuoco dal trio, che sembra aver lavorato meglio di squadra, eseguendo un upgrade sonico che ha cesellato e rifinito in modo più curato le trame di synth modulare, che a questo giro si amalgamano meglio coi loop essenziali di drum machine e il tessuto strumentale (post) punk (dove Segall ed Emmett suonano principalmente riff frammentari di basso) che tuttavia crea una cortina di fuzz che lascia poco spazio a melodie orecchiabili, laddove Denée si esprime in modo brusco, con frasi sconnesse inserite in rapidi impulsi ritmici striscianti. Anche se il risultato finale di tutte le sue uscite non può sempre avere tutti i crismi del capolavoro, lasciate fare, perché Ty è (quasi) sempre una garanzia.

THE C.I.A. – SURGERY CHANNEL

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

MOOON – III

“Forse cercavi: MOON“. “Risultati per “moon“. No no, “cari” pseudo-sapientoni motori di ricerca che a volte reindirizzate su altri termini ad minchiam, non avevo digitato la suddetta parolina con due “O” (che inevitabilmente fa confondere l’algoritmo con Keith Moon, o la Luna) ma cercavo volutamente

KID CONGO & PINK MONKEY BIRDS – THAT DELICIOUS VICE

Quando sai che là fuori è uscito del nuovo materiale pubblicato da una piccola grande leggenda del rock ‘n’ roll come Kid Congo Powers (ex chitarrista di Gun Club, Cramps e Nick Cave & the Bad Seeds, giusto per citare alcune band in cui ha

SHELLAC – TO ALL TRAINS

Meglio mettere subito le cose in chiaro: è impossibile ascoltare questo disco con lucidità e distacco emotivo, quando non ci si è ancora ripresi dalla terribile notizia che ne ha preceduto l’uscita. Metabolizzare il lutto per la recente, improvvisa e prematura scomparsa di Steve Albini,

E’ morto Steve Albini

Un altro orrendo lutto arriva a devastare la comunità mondiale del rock ‘n’ roll in questo 2024. Nella giornata del 7 maggio, infatti, ci ha lasciati, all’età di 61 anni, anche Steve Albini, noto frontman, musicista, record producer (termine tuttavia detestato dal diretto interessato) e