iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : TY SEGALL – HELLO, HI

TY SEGALL – HELLO, HI

I just wasn’t made for these times non è solo il titolo di un noto brano dei Beach Boys, ma è una definizione perfettamente azzeccata per un artista come come Ty Segall, giovane e prolifico talento cristallino (classe 1987, appena trentacinque primavere, arrivato già al ventesimo disco solista, e chissà quante altre delizie potrebbe ancora donarci) nato probabilmente nell’epoca sbagliata, in un tempo odierno che non sembra appartenergli, preso com’è, il menestrello californiano, nella salvaguardia del suo piccolo mondo antico, esemplificato in questo suo ultimo album, “Hello, Hi“, nel quale si premura di preservare sonorità psych folk dal sapore Sixties (Pretty Things, Beatles, Neil Young) in cui le chitarre acustiche (le gemme bucoliche “Cement” e l’iniziale “Good morning“) e nenie stranianti (la Donovaniana “Blue” e la conclusiva “Distraction“, una harrisoniana “Over” che potrebbe sembrare quasi una traccia demo scartata dalle sessioni di registrazione del “White Album”) vengono intervallate, in alcuni episodi (come la title track e in “Looking at you“) da sfuriate heavy/glam rock à la Marc Bolan/T.Rex (uno degli idoli indiscussi del nostro) presente anche nella melodia lisergica di “Saturday“, che nella seconda parte deflagra grazie al sax suonato dal vecchio compare Mikal Cronin, suo storico collaboratore.

 

Se nel precedente lavoro, uscito l’anno scorso, “Harmonizer“, il polistrumentista di Laguna Beach si era divertito a mischiare l’heavy rock distorto con l’elettronica e i synth, in questa occasione lo si ascolta e lo si immagina cullato dal tepore delle registrazioni casalinghe (le dieci canzoni contenute in “Hello, Hi“, sono nate in questo modo) anche se forse è ingiusto chiamarlo un lockdown album: meglio definirlo un rustico back to basics, rappresentato anche dalla semplicità della copertina, una foto in bianco e nero (scattata dalla moglie Denée) che ritrae Ty Segall accovacciato su un albero con una chitarra acustica. C’è anche spazio per la cover di un brano, “Don’t lie” dei Mantles, un tema garage/jangle pop completamente stravolto e riarrangiato in chiave acustica. Tutto sa di buono, odora di vecchi sentieri sonori rielaborati per colorare di magia nuovi mondi.

 

Ty non è nuovo nel variare sound e aprirsi a nuove sperimentazioni, e questo è un Lp tra i più intimisti e surreali mai usciti dalla sua penna, dal mood contraddittorio (ora triste, ora cupo, ora sognante, ora elettrico) e non sappiamo se questa sarà, da ora in poi, la rotta sonica definitiva intrapresa dal biondo re Mida polivalente dell’indie rock mondiale, ma di sicuro si può affermare che, qualsiasi avventura decida di percorrere, lo fa sempre in maniera dannatamente convincente. E ora portatecelo in tour in Italia, daje!

 

TRACKLIST

 

1. Good Morning
2. Cement
3. Over
4. Hello Hi
5. Blue
6. Looking at You
7. Don’t Lie
8. Saturday Pt.1
9. Saturday Pt.2
10. Distraction

 

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

SONGS THE WEB TAUGHT US VOL. 15

Bentornata, gentaglia di poca fede, nuovo appuntamento (primo di questo nuovo anno) con “Songs The Web Taught Us“. Perdonate la lunga assenza, ma il vostro Reverendo è stato parecchio indaffarato, tra gli ossequi all’immacolato cuore di Mari(juan)a, la consueta gita natalizia a Betlemme per salutare

J. MASCIS – WHAT DO WE DO NOW

J. Mascis è un porto sicuro in cui rifugiarsi quando si ha bisogno di certezze e si vuole scappare dalla mediocrità generale imperante e dalla musica dimmmerda che ci circonda (soprattutto in questo periodo in cui imperversa ancora l’olezzo maleodorante dell’onda lunga del pre- e

FUZZTONES – LIVE AT THE DIVE ’85

Il Dive, a New York, è stato un mitologico club assurto a Mecca del garage punk, o “garage revival”, ossia quel (sotto)genere nato, agli albori degli Eighties, unendo in un matrimonio distorto e fuzzato il garage rock pre-1967 (anno in cui ci fu l’avvento del

THE DEVILS – LET THE WORLD BURN DOWN

Appena usciti dal delirio del circo sanremese (a proposito… se lagggente italica pensasse a risolvere i gravi problemi che flagellano l’Italia con la stessa attenzione maniacale e lo stesso fanatico trasporto emotivo, quasi da guerra santa religiosa, con cui si occupano del festivàl di Sanscemo,