Paul Beauchamp Luca Sigurtà – Hardboiled

Paul Beauchamp Luca Sigurtà – Hardboiled

Ritorna la lotta culturale di Kaczynski Editions, un’etichetta Toscana che fa delle pulsioni oblique la sua ragion d’essere. Il disco si chiama Hardboiled, ed è una collaborazione fra Paul Beauchamp e Luca Sigurtà, musicisti che si sono sempre addentrati in ambiti elettronici, drone e di sperimentazione sonora. Come trema del lavoro hanno deciso di fare una rivisitazione molto personale delle colonne sonore dei film poliziotteschi e noir degli anni settanta ed ottanta.

Questa immaginaria colonna sonora si snoda per sette brani. Non aspettatevi la classica, trita e ritrita colonna sonora funk, psych fluo pink dei film poliziotteschi o blaxpoitation, qui si va in altri lidi. Il minimalismo è l’elemento comune che sta alla base di queste digressioni elettroniche, l’assenza sonora è la cifra immaginaria di questa colonna sonora.

Non si creano mondi, ma si danno gli strumenti per farlo, e sono strumenti cesellati alla perfezione, suoni quasi subliminali che scalfiscono il nostro cranio in maniera inusuale e alquanto piacevole. Non è musica, ma flusso di plasma sonoro, e come la copertina tutto è sfocato, senza centro, se non il senso dell’ascoltare e di porsi di fronte ad un’opera completa e molto ben composta. L’andare oltre è insito in questa musica e viene richiesto anche all’ascoltatore, non è uno sforzo ma un’apertura mentale maggiore, che giova alla nostra cultura musicale. Beauchamp e Sigurtà producono in maniera certosina ed artigianale, con una grossa struttura e con ceselli molto fini, qui l’importante è l’impianto sonoro, e tutto ciò che non è flusso musicale è alieno.

Sarebbe molto interessante vedere un film con auna colonna sonora come questa, ma non si deve aspettare che lo facciano, basta ascoltare questo lavoro e farlo con la nostra mente, che è potentissima se stimolata nella maniera giusta. Hardboiled è un racconto alternativo di qualcosa che è stato abusato sia nelle lettere che nelle note, e qui viene affrontato in una maniera totalmente diversa e profondamente originale.

Certamente non è un disco per tutti o un qualcosa per intrattenersi, è un viaggio chirurgico in profondità inespolrate, il tutto con classe e bravura sonora.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati