Paul Beauchamp – Pondfire

Paul Beauchamp – Pondfire

I sette brani di Pondfire procedono uno dopo l'altro, con lentezza, in modo tale da evocare ognuno, in modo completo, un particolare set di emozioni

Paul Beauchamp, musicista americano attualmente trapiantato a Torino (e con alle spalle una invidiabile carriera nell’ambito delle musiche “altre” e sperimentali), ritorna con Pondfire. Il disco, uscito ufficialmente in digitale nel 2014 (ma disponibile in vinile solo a partire dal Giugno 2015 -merito della cordata Boring Machines, Old Bicycle Records, Neon Produzioni), si compone di sette brani a metà tra ambient, drones e manipolazione sonora, concentrandosi sul ricordo del nonno dell’autore e sulla vita pacifica che, da ragazzo, faceva nella sua fattoria.

I lunghi echi elettronici di Icicles, intervallati da morbide pulsazioni, distendono l’animo, trasmettendo l’idea di galleggiare, pacifici, in mezzo a un lago completamente immobile, mentre la rapida ciclicità di Pondfire, concedendosi una seconda parte piuttosto ansiogena e inquietante, lascia che a seguire sia il viaggiare, come su di una barca in mezzo alla nebbia, di Muddy Creek.
Old Philip’s Bridge Lament, invece, abbracciando con i suoi malinconici sospiri, apre al calore, arioso e solare, di Muscadine (synth, echi, chitarre e manipolazione sonora ad accarezzare su tempi lunghi) e al lento sciogliersi, come cera al sole, de La Quercia.
La chitarra acustica della più che accogliente Redbelly, infine, chiude trasmettendo un profondo senso di pace e tranquillità.

I sette brani di Pondfire procedono uno dopo l’altro, con lentezza, in modo tale da evocare ognuno, in modo completo, un particolare set di emozioni. Un disco che fa della pacatezza e della distensione (nonostante i momenti più inquieti e nebulosi) i suoi temi principali. Se, anche voi, volete trasferirvi temporaneamente nell’agreste infanzia di Paul Beauchamp, questo album è la chiave per riuscirci.

Tracklist:
01. Icicles
02. Pondfire
03. Muddy Creek
04. Old Philip’s Bridge Lament
05. Muscadine
06. La Quercia
07. Redbelly

PAUL BEAUCHAMP – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Helvete’s Kitchen File

Helvete’s Kitchen: etichetta indipendente che si è presa la briga di patrocinare e garantire per questi due favolosi dischi, ma anche per spiegare cosa sia davvero suonare, pensare e vivere a bassa risoluzione.

The HangeeS - Heading Back to the Good Valley

The HangeeS – Heading Back to the Good Valley

Stavo ascoltando i Monks, e a rifletterci mi sorge spontaneo un dubbio: cosa avrebbe pensato se invece dei monaci ci fossero stati sul piatto gli HangeeS con il loro nuovo disco la cui data di pubblicazione è il 2022?