Mutant Chronicles: Ambientazione Cyberpunk Per Videogame E Giochi Di Ruolo

Mutant Chronicles: Ambientazione Cyberpunk Per Videogame E Giochi Di Ruolo

Mutant Chronicles è l’ambientazione comune di una serie di giochi (da tavolo, di ruolo, di carte, videogames, miniature) e di romanzi pubblicati a partire dal 1993. Nel 2008, ne è stato creato anche un film piuttosto mediocre.

Mutant Chronicles: Ambientazione Cyberpunk Per Videogame E Giochi Di Ruolo 1 - fanzineL’ambientazione, un cyberpunk anni ’90, includeva cinque Mega-corporazioni, l’Oscura Legione (composta da mutanti malvagi) e la Fratellanza, costituita da inquisitori del futuro, che si contendono il dominio dell’universo.

La qualità della produzione è stata altalenante, anche a causa dei budget ridotti della casa madre svedese. Molti dei prodotti erano avvincenti, maturi e ricchi di idee, ed era interessante la stessa idea di una ambientazione multimediale in espansione di stampo futuristico.

Negli stessi anni, si fecero due altri tentativi in tal senso: Warhammer 4000, più incentrata sul tema wargames, e, ovviamente, Star Wars.

Mutant Chronicles aveva un target più adulto e in generale tutto l’ambiente, la scenografia e i personaggi erano più cupi.

Non ha mai avuto un grande successo ma è sempre stato sostenuta da
nucleo di appassionati.

Ho letto di recenti tentativi di riportarla in vita. Incrocio le dita.

Pur essendo principalmente una saga di libri e un gioco di ruolo, di carte e da tavolo, nel 1995 ne hanno realizzato un interessante videogame, chiamato Doom Troopers. Vi lascio il video del walkthrough per godere visivamente delle sceografie e dei costumi dei personaggi.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati