Aelma – The Beings of Mind are not of Clay – Toten Schwan Records – 2022

Aelma – The Beings of Mind are not of Clay – Toten Schwan Records – 2022

Progetto a due per Marco Valenti fondatore di Toten Schwan Records con Elena M. Rosa Lavita.

Il nome del duo è Aelma, e il risultato sono due lunghe tracce con tantissime cose dentro. Come affermato dagli stessi autori questo lavoro verte sul dualismo e ha in Giano il nume tutelare ; due tracce, vita e morte due musicisti, essere ed essenza.

Non lo si può definire un progetto musicale, perché va oltre la musica, entrando nell’ambito del migliore dark ambient o del racconto in musica. Un giorno o l’altro, questo non è il luogo adatto per una disamina maggiormente precisa, bisognerà rendersi conto che ci sono opere come questa che hanno una frequenza ed un’ampiezza assai diversa rispetto alla musica a cui siamo abituati, e che va quindi trattata in maniera diversa. Torniamo ad Aelma.

La prima traccia ( + Dee ci porta in una cripta che sta in mezzo ad un cielo a sua volta contenuto in un altro involucro. Il pensiero magico qui è il paradigma del completo stravolgimento del reale, come in alto così nel subconscio, l’ascoltatore non è più tale ma è totalmente immerso nella storia, con la musica che funge da medium o da gioco di ruolo se si preferisce. I bassi sono pieni, si scendono infiniti scalini, annientando ciò che siamo, nella terra come dice l’alchimia, nel sotto per andare sopra o forse ancora più sotto.

La seconda parte ǂ ) LOW è la perdita della percezione, l’ulteriore caduta e c’ è qualcosa di romantico, di quell’occulto romanzesco che tanta fortuna ebbe nell’Inghilterra dell’Hellfire Club, e anche Aelma cita il magnifico Milton di ” Paradiso Perduto ” : “Did I request thee, Maker, from my clay to mold me man?

Did I solicit thee from Darkness to promote me?” che è poi l’epigrafe sulla prima pagina di ” Frankenstein ” di Mary Shelley, in un nero circolo che continua tuttora.

Musica da anime nere assetate di conoscenza e consapevoli di essere perse come Prometeo, qui non c’è bene o male, ma il racconto di una discesa, unna bellissima opera ambient. e l’ ambient in questione è nerissimo, carnalmente nero, in un percorso che lambisce un’oscurità che non è quella narrata dalle religioni imperanti, ma è assai più antica e dimora dentro di noi.

Un lavoro bellissimo, fatto da anime nere per altre anime nere, a cui non importa l’approvazione di nessuno; ascoltare e cadere, con il sangue in bocca e la pazzia di rimanere normali.

Aelma – The Beings of Mind are not of Clay

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati

Tropical Fuck Storm - Submersive Behaviour_cover

Tropical Fuck Storm – Submersive Behaviour

È qui e richiede attenzione, perché i Tropical Fuck Storm hanno dimostrato più volte di saper far bene, di saper maneggiare il rock (alternativo, indie, noise, quello che volete) meglio di tanti altri – ma direi di quasi tutti.

Luca Ottonelli

Luca Ottonelli. E’ nato a Genova nel 1969 e ho completato i primi studi artistici avendo come maestro di Figura G. Fasce.