Volbeat – Servant Of The Mind

Volbeat – Servant Of The Mind

Ritorno quanto mai agognato per uno dei gruppi metal rock più famosi e seguiti nel mondo : i danesi Volbeat. Questi danesi sono fra i nomi più famosi del panorama metal rock e con questo disco vogliono rafforzare in maniera decisa e perentoria la loro posizione di predominio.

Chi li conosce sa che sono una miscela unica di metal, rock, psychobilly, riuscendo a formare un impasto unico e bilanciato di forza e melodia, irruenza e dolcezza. Servant Of The Mind è un disco potente e fortemente melodico, che vede il gruppo danese al massimo della sua forma, libero e forte. Rispetto agli ultimi due dischi precedenti viene data la precedenza al lato maggiormente muscolare, continuando comunque a lavorare sulla melodia, per un risultato che è al contempo orecchiabile anche a chi è non amante del rock più muscolare con pezzi come il singolo Wait a Minute My Girl, che è un manifesto preciso di ciò che sono i Volbeat.

E questi ultimi non sono solo pezzi orecchiabili ma sanno anche andare a fondo nella materia, con pezzi come Say No More, che rimanda come altre cose loro al Black Album dei Metallica, dei quali hanno fatto la cover di Don’t Tread On Me ed è una grandissima cover.

I Volbeat raccolgono molto della tradizione americana e non solo della musica rock degli ultimi quaranta anni, riprendono soprattutto l’elemento rockabilly e psychobilly volgendolo al melodico; il risultato è straordinario, e in questo disco ancora più delle ultime volte. Il gruppo è anche una macchina da guerra sul palco, e speriamo vi tornino presto, perché l’epica esibizione del Telia Parken a Copenaghen nel 2018, poi raccolta nel disco dal vivo Let’s Boogie, lì ci sono i Volbeat.

Fino ad ora. Perché con questo disco i danesi compiono un deciso ed ulteriore passo in avanti, con una perfetta congiunzione fra la magnifica voce di Michael Poulsen ed il resto del gruppo.

I Volbeat sono nel novero di quei pochi gruppi che smuovono sempre qualcosa nel cuore e nel cervello dell’ascoltatore, che gode profondamente nell’ascoltarli.

Inoltre il gruppo danese è una testimonianza di cosa sia il rock e verranno ricordati e tramandati, anche con questo ottimo disco.

Volbeat – Servant Of The Mind

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati