iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Vintage – Vintage

Vintage - Vintage: Quando mi accingo a parlare di un disco che non mi ha entusiasmato sono solito partire da quelli che,per me, sono i suoi...

Vintage – Vintage

Quando mi accingo a parlare di un disco che non mi ha entusiasmato sono solito partire da quelli che,per me, sono i suoi lati positivi,e cosi’ faro’ anche nel caso dei Vintage.
Di loro mi piace il nome,la grafica e,a tratti,pure il suono,che e’ accattivante ed anche piuttosto grintoso.

I nostri hanno come numi tutelari gruppi come Queens of the stone age e Eagles of death metal (i secondi,tra l’altro,coseguenziali dei primi);hanno padronanza degli strumenti e buone doti compositive ma dei gruppi succitati manca il pathos,la profondita’ dei suoni ed anche un cantato all’altezza.
Prendiamo ad esempio le tracce 1 “Hot lover” e 3 “No rules” sono coinvolgenti e grintose,piacevoli all’ascolto,ma mancano di mordente,di quel ingrediente sconosciuto ( o meglio conosciuto solo da chi ha un sacco di talento ) che le renderebbe canzoni di ben altra levatura.
I quattro non mancano di interressanti aperture pop ed anche di cambi di ritmo che fanno spesso ben sperare ma, quando sembrano sul punto di esplodere, ecco spuntare le crepe; i pezzi restano quasi incompiuti e lasciano l’ amaro in bocca perché si intrravedevano spunti interessanti che puntualmente non vengono svillupati.
Ma, al costo di ripetermi, il talento c’ é e se avranno voglia di continuare a provare, e a lavorare sulla voce, non escludo nel loro futuro interressanti sviluppi.

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

The Prisoners - Morning Star

The Prisoners – Morning Star

In un mondo migliore i Prisoners sarebbero stati delle star, in questo invece non è andata così e forse non era neppure nei loro piani e nelle loro intenzioni;

The Loons - Memories Have Faces

The Loons – Memories Have Faces

Troppa grazia, Sant’Antonio! Eh già! Per un devoto cultore dei suoni sixties oriented, avere la fortuna, nel giro di pochi giorni, di poter parlare di un nuovo singolo e di un nuovo intero album di sua maestà Mike Stax è davvero una benevolenza tanto inaspettata,