The Queen Is Dead Volume 15

The Queen Is Dead Volume 15

The Queen Is Dead Volume 15: THE BLACK LEGACY EMILE VANMAHNER  Ci sono dischi e musiche che ti rimettono in pa...

THE BLACK LEGACY
EMILE
VANMAHNER

 Ci sono dischi e musiche che ti rimettono in pace con il mondo, anche e soprattutto in momenti difficili come questo.

E il debutto dei milanesi The Black Legacy per Argonauta Records, Black Flower è un disco diretto e ricolmo di stoner, rock ad alto numero di ottani e qualcosa di heavy metal classico, insomma un gran disco. Il gruppo è composto da persone non più giovanissime che mettono qui tutta la loro passione e la loro voglia di suonare musica rumorosa e viziosa, e raggiungono in pieno l’obiettivo.

Il disco ha la sua ragion d’essere nella rielaborazione personale del suono dark e rumoroso portato avanti da Black Sabbath, Black Label Society e gruppi simili, ma qui lo si fa molto bene, il disco è granitico, il suono esce bello pieno e granitico, con la forza di chi sa e ama cosa sta facendo.

L’immaginario è quello delle controculture motociclistiche e ribelli dell’America intesa come stato mentale e di animo, e non c’è un attimo di noia, non c’è tempo per la noia.

Cambiamo totalmente latitudini sonore, con il debutto solista di Emile, il cantante dei psych hard rockers danesi The Sonic Dawn. The Black Spider / Det Kollektive Selvmord  in uscita per la romana Heavy Psych Sounds è un disco di folk rock con forti tendenze psichedeliche, un racconto musicale dalle molte facce, molto elegante e profondo, guidato da una capacità compositiva che è assai difficile da ritrovare da qualche altra parte.

Ascoltando questo debutto ci si accorge dell’immensità della mente musicale di Emile, un caldo diluvio di folk in stile anni sessanta, con forti impronte psych e una carica maggiore di progressive rispetto ai lavori con il suo gruppo. Un disco dai mille risvolti e dalle continue scoperte, proprio come era per i dischi di tanti anni fa.

In questa puntata disomogenea di The Queen Is Dead, andiamo in un retro futuro decisamente cyber con l’ep di debutto The Landing Is Done di VanMahner per la fondamentale Lazerdiscs Records, una delle migliori etichette in campo retrowave e synthwave.

VanMahner è un produttore francese con un passato da dj, che ha un modo molto originale e personale di fare elettronica in maniera tenebrosa collegandola con grandi intrecci pop. Il suo suono è molto pulito e ha un tiro che lo porta immediatamente al di sopra della media del genere, la sua esperienza da dj in certi contesti gli ha sicuramente fatto capire cosa piace al suo pubblico.

Questo ep è un qualcosa di molto piacevole e la conferma che la Lazerdiscs Records sta facendo maturare il suo lato pop.

THE BLACK LEGACY :

EMILE :

VANMAHNER :

Tutte le puntate di THE QUEEN IS DEAD

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

The HangeeS - Heading Back to the Good Valley

The HangeeS – Heading Back to the Good Valley

Stavo ascoltando i Monks, e a rifletterci mi sorge spontaneo un dubbio: cosa avrebbe pensato se invece dei monaci ci fossero stati sul piatto gli HangeeS con il loro nuovo disco la cui data di pubblicazione è il 2022?

RIBBON STAGE – HIT WITH THE MOST

Avevamo già parlato, l’anno scorso, delle Ribbon Stage, terzetto newyorchese a trazione femminile (“Anni Hilator” al basso e voce e “Jolie M-A” alla chitarra e cori, coadiuvate da Mari Softie alla batteria) autore di un indie/noise pop che profuma deliziosamente di (altri) anni Ottanta, quelli di compilation come “C86”, e che avrebbe fatto la fortuna di etichette come la Sarah Records.