iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : The Kahless Clone – An Endless Loop

Un bellissimo lavoro che dimostra, una volta di più, quanto il comporre postmetal strumentale di grande livello sia sostanzialmente una questione di talento.

The Kahless Clone – An Endless Loop

The Kahless Clone è l’interessante progetto messo in piedi dal chitarrista dei Novembers Doom Vito Marchese, con l’intenti di trovare uno sbocco alle proprie composizioni strumentali all’insegna di un post metal dalle forti connotazioni oscure.

Essendo un fan della prima ora della band di Chicago mi sono avvicinato quindi all’ascolto di An Endless Loop con la ragionevole certezza di imbattermi in un lavoro dj grande pregio.
Così è stato, anche in virtù di un distacco chiaro dalle sonorità della band madre, nonostante a tratti la matrice metal del musicista americano affiori sia a livello di attitudine, sia quando il suono delle chitarre si fa decisamente robusto.
Gli album in veste strumentale faticano per loro natura a decollare quando non vengono sorretti da un’adeguata freschezza compositiva: Marchese sfugge al trabocchetto alternando parti intimiste, dove l’uso della chitarra acustica e del piano è propedeutico a un crescendo che eleva a dismisura il potenziale emotivo dei brani.
Tutto ciò avviene mirabilmente in Leave This Place With Me e in Everything You See is Gone, tracce che riconciliano con questa forma sonora, grazie anche alla maestria con la quale i brani vengono eseguiti dal musicista dell’Illinois e dai suoi compagni d’avventura.
Un bellissimo lavoro che dimostra, una volta di più, quanto il comporre postmetal strumentale di grande livello sia sostanzialmente una questione di talento, qualità che, ahimè, non tutti coloro che vi si cimentano possiedono in uguale misura.

Tracklist:
1. Leave This Place With Me
2. I Can Feel Them, but I Can’t Remember Them
3. Everything You See is Gone
4. A Somber Reflection

Line-up:
Vito Marchese – Guitars
Zach Libbe – Electronic Drum Programming
Garry Naples – Drums
Andy Bunk – Bass
Ben Johnson – Keys

THE KAHLESS CLONE – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Noctu – Super Illius Specula

Super Illius Specula è probabilmente il punto più alto raggiunto finora da un musicista come Noctu, in grado di offrire oggi un doom estremo tra i più avvincenti e, allo stesso tempo, meno scontati in ambito nazionale.

Angmodnes – Rot of the Soul

Rot of the Soul è un album che conferma le qualità mostrate negli ultimi anni da parte degli Angmodnes, trattandosi di un lavoro di grande consistenza e molto curato nella sua resa sonora nonché un’esibizione di spiccata creatività compositiva, sintomatica del desiderio da parte della band olandese di non appiattire il proprio sound sulle posizioni già acquisite.

Post Luctum – Seasons Greavings

Se dal punto di vista musicale l’ep risulta davvero efficace e vario, avvicinandosi in certi frangenti ai mai abbastanza lodati Daylight Dies, fondamentalmente appare più ritmato e incalzante rispetto ai quanto offerto dai Post Luctum nei due ottimi full length realizzati in precedenza.