Small Thing – Small Thing

Small Thing – Small Thing

Small Thing - Small Thing 1 - fanzineCome ebbe a dire Hank Scorpio – e non venitemi a dire che non sapete chi è – “Il mondo è fatto di piccole cose”. E band come questa di giovani e motivati ragazzi genovesi urlanti ed arrabbiati sono una di quelle piccole cose per la quali vale la pena vivere e sperare in qualcosa di dignitoso e, mi si perdoni il francesismo, affanculo la retorica.

Ma è del disco che il gruppo (forse) vorrebbe che parlassi e quindi ecco alcune mie umili annotazioni: si parte – dopo l’intro – con quattro sciabolate tese (Piccinini docet) di hardcore veloce e senza compromessi di cui la prima Wasted particolarmente efficace.

Il primo pezzo che esula dal contesto è Constant Faillure, più lungo dei precedenti, e nel quale emerga la suadente disperazione degli Husker Du; gli altri sono Refraction nel quale i fiati creano un’atmosfera alla Voodoo Glow Skulls, un’altra formazione che a me a senza ispirato una certa inquietudine di fondo (sarò io che sono strano) e Snakes che ha insito la furia malinconica dei primi Bad Religion. A me piace pure , e parecchio, Stray Dog, ma il perché non ve lo dico così potrete dirmi, anzi confermarmi, che di musica non ho mai capito un cazzo.

In conclusione a me gli Small Thing sembrano molto di più di un gruppo di hc melodico, anzi, se devo dire la mia, trovo che abbiano molto di più della virtuosa scuola del vecchio hardcore italiano (Kina, Raw Power, Negazione) che non di quella più friendly d’oltreoceano, in primis californiana, e la voce ieratica di Monica non fa che accrescere questa mia sensazione. L’ album in oggetto, insieme ad altri tanti bei prodotti simili per passione ed attitudine, esce per Flamingo Records e fa capo all’omonimo negozio genovese e, mi si permetta una piccola digressione sentimentale, vi dirò che se vi capita di andarci – e andateci perdio! – ci troverete la stessa atmosfera che c’era da Distorsioni, vale a dire il mio negozio di un tempo, chi le ha provate entrambe sa di cosa sto parlando, unica differenza Alberto ed Emi sono molto più belli di me.

P.S. : Lo sospettavo che eravate dei sorcini, d’altronde siete persone di buongusto.

Track List
1) Intro,
2) Wasted,
3) Lazy,
4) Pizza Revolution,
5) Straight To The Point,
6) Constant Failuure,
7) Stray Dog,
8) Questions,
9) Reach 4 The Sky,
10) Bloody Mary,
11) Refraction,
12) Snakes,
13) All About Me,
14) Outro

Recensione cassetta del 2017: https://www.iyezine.com/small-thing-really-its-not-big-deal

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Madhouse – Secret antithesis

Terzo disco per i Madhouse capitanati dalla cantante cantante Federica Tringali e dal chitarrista Filippo Anfossi, il titolo è ” Secret antithesis” ed esce per Nadir Music. La proposta musicale dei Madhouse è un metal moderno e fresco, con rimandi gotici in alcuni passaggi.

Mudhoney, ad aprile il nuovo album. Condiviso il primo singolo

Dopo un silenzio discografico durato quattro anni (escludendo split singles e la ristampa espansa del 2021 per il trentennale di “Every good boy deserves fudge”, infatti, risale al 2019 l’ultima pubblicazione di materiale ufficiale, l’Ep “Morning in America”) tornano i Mudhoney

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.