Phal:angst – Fase Iv

Phal:angst – Fase Iv

Phal:angst - Fase Iv 1 - fanzineDirettamente da Vienna la band dei Phal:Angst, attiva sulla scena musicale dal 2006 pubblica il nuovo lavoro titolato “Fase IV” per la Bloodshed666 Records. Sette tracce il cui viaggio sulla lunga distanza porta a scoprire sonorità Industrial Post Rock con innesti più melodici che regalano sensazioni positive.

Corpo, profondità, queste le principali caratteristiche di un album completo e pieno di atmosfera, che porta alla scoperta di sonorità spesso cadute nel dimenticatoio per mezzo di brani con metriche scontate e poco originali. Fortunatamente non è il caso dei Phal:Angst che riescono a scavare nel profondo dell’anima, tirando fuori il meglio che si possa avere nel loro ambiente musicale

Si parte con la opener “On The Run”, dove la voce ridondante esalta un sound generale grezzo e vibrante, ammorbidito da innesti più melodici come nella seconda traccia “Despair II” che conferiscono ulteriore dinamismo al progetto riuscendo inoltre a creare un chaos ordinato e ben studiato grazia a riff vorticosi che graffiano l’aria.

Una parte centrale aggressiva dove synth e suoni campionati si intrecciano e danno manforte ad una linea vocale decisa fanno da apri pista alla traccia di chiusura “Despair II” in versione mix, ulteriore prova delle potenzialità di questa band di Vienna che sembra dimostra buona padronanza tecnica e ottimo bagaglio di idee.

Questa volta la band è riuscita a realizzare uno dei propri sogni e ad ottenere remix da artisti che hanno ispirato la band in modo sostanziale. Uno è del pioniere industriale-Metal Justin Broadrick (Godflesh) che ha fatto anche notevoli impatti nel grindcore (morte del napalm), post rock (Gesù) e hip hop / dubstep sperimentale (techno animal). Il secondo è di will Brooks, alias Mc Dälek di dälek, che ha rivoluzionato l’hip hop da con ambient, noise-& Krautrock all’inizio del Millenium.

E a noi questa cosa ci piace davvero tanto.

Track List
01 – On The Run
02 – Money & Fame
03 – Comeuppance
04 – Despair II
05 – They Won’t Have To Burn The Books When Noone Reads Them Anyway
06 – Despair II (deadverse Remix) by Will Brooks (DÄLEK)
07 – The Books (JK FLESH Remix) by Justin Broadrick

Etichetta Label
Bloodshed666 Records

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
1 Comment
  • simone benerecetti
    Posted at 16:51h, 24 Aprile Rispondi

    Justin Broadrick (Godflesh) è un mito, ho il disco dei GodFlesh Pure su vinile… Questo disco è molto bello, una delle cose più interessanti degli ultimi mesi.

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Madhouse – Secret antithesis

Terzo disco per i Madhouse capitanati dalla cantante cantante Federica Tringali e dal chitarrista Filippo Anfossi, il titolo è ” Secret antithesis” ed esce per Nadir Music. La proposta musicale dei Madhouse è un metal moderno e fresco, con rimandi gotici in alcuni passaggi.

Mudhoney, ad aprile il nuovo album. Condiviso il primo singolo

Dopo un silenzio discografico durato quattro anni (escludendo split singles e la ristampa espansa del 2021 per il trentennale di “Every good boy deserves fudge”, infatti, risale al 2019 l’ultima pubblicazione di materiale ufficiale, l’Ep “Morning in America”) tornano i Mudhoney

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.