One Dimensional Man – You Don’t Exist

One Dimensional Man – You Don’t Exist

Per chi da anni bazzica l’accidentato ma affascinante mondo dell’underground sono poche le certezze, ma quelle poche sono estremamente radicate, una fra queste sono gli immarcescibili One Dimensional Man. Attivi dal 1997, e con cambi di formazione abbastanza frequenti, i nostri hanno centellinato le loro uscite, ben sette sono gli anni che intercorrono fra il loro penultimo album e quello di cui sto per parlarvi, ma in ogni loro uscita hanno profuso una classe e una qualità cristallina.

Non fa eccezione questo You Don’t Exist che si apre con due vere e proprie sciabolate Free Speech e You Don’t Exist che ricordano all’ascoltatore qual’è la formula che li ha resi “celebri”, vale dire noise+blues+attitudine ferrea. La scaletta prosegue con In The Middle Of The Storm, un pezzo nel quale si tocca con mano un disagio ed un mal di vivere che l’età adulta non può cancellare e No Friends dove invece a prevalere è una rabbiosa disperazione.

A Crying Shame è un brano semi acustico della pericolosa profondità e di una bellezza inaudita, a me ha ricordato i Come di Thalia Zedek; l’unico pezzo non scritto dalla band fra quelli in scaletta è We Don’t Need Freedom dei Saccharine Trust – e ciò la dice lunga sulle influenze della band – che il gruppo rende ancor più tellurico dell’originale.

Chiudono il lotto Don’t Leave Me Alone che è un pezzo hardcore come loro i primi Fugazi o ancor meglio i Jesus Lizard (secondo me una formazione alla quale gli One Dimensional Band si sono da sempre ispirati); Alcohol che – sorretta da un basso penetrante – ricorda i Nomeansno e, nei momenti più parossistici, gli Husker Du di Zen Arcade, band peraltro citate nel testo e The American Dream dove, su di un tappeto sonoro inquietante, vengono citati i presidenti americani.

Bello l’artwork che rende il tutto ancor più appetibile e, lo si contestualizzi per ciò che è, accattivante. Se qualcuno poteva avere dei dubbi, penso nessuno fra i conoscitori della formazione veneziana, sul fatto che la lunga assenza potesse aver indebolito la loro proposta gli undici pezzi di questo disco li polverizzano da subito.

Un disco bellissimo!

ETICHETTA: La Tempesta Records

TRACKLIST
1) Free Speech,
2) You Don’t Exist,
3) In The Middle Of The Storm,
4) No Friends,
5) A Promise,
6) A Crying Shame,
7) In Substance,
8) We Don’t Need Freedom,
9) Don’t Leave Me Alone,
10) Alcohol,
11) The American Dream

LINE-UP
Carlo Veneziano – Guitars,
Franz Valente – Drums,
Pierpaolo Capovilla – Bass guitar and vocals

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati

Tropical Fuck Storm - Submersive Behaviour_cover

Tropical Fuck Storm – Submersive Behaviour

È qui e richiede attenzione, perché i Tropical Fuck Storm hanno dimostrato più volte di saper far bene, di saper maneggiare il rock (alternativo, indie, noise, quello che volete) meglio di tanti altri – ma direi di quasi tutti.

Luca Ottonelli

Luca Ottonelli. E’ nato a Genova nel 1969 e ho completato i primi studi artistici avendo come maestro di Figura G. Fasce.