iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : NERVOUS SHAKES – WALK LIKE A LOVER

Gli ingredienti di tale pot-pourri hanno generato "Walk Like A Lover", secondo disco ufficiale dei Nervous Shakes, uscito grazie a una co-produzione tra le label francesi...

NERVOUS SHAKES – WALK LIKE A LOVER

“Can you groove to Elvis and The Stooges? Wanda Jackson and The Ramones? Roy Orbison and The Dead Boys?”

 

Così è sintetizzata l’essenza dei Nervous Shakes, quartetto belga (Ivan “Retroff” Andreini: voce e armonica, James Neligan: chitarra e voce, Bruno Van G.: basso e Phil Felix alla batteria) portatore di un “messaggio di liberazione” in opposizione al conformismo del mainstream e a quest’epoca iperconsumistica dominata dagli avvoltoi capitalisti. Contro questi mali della società odierna, la band risponde riversando le proprie energie nella creazione di una formula musicale che fonde i migliori “suoni delinquenti” e ribelli degli ultimi Sessanta anni: rockabilly, garage psych, R&B, surf, blues, cowpunk, glam rock e new wave.

 

Gli ingredienti di tale pot-pourri hanno generato “Walk Like A Lover“, secondo disco ufficiale dei Nervous Shakes, uscito grazie a una co-produzione tra le label francesi Dangerhouse Skylab e Mono-Tone Records e la belga Rockerill Records, e  atteso da lungo tempo (la sua uscita era stata pianificata per il 2016, poi rinviata al 2019, quindi ancora posticipata, a causa della pandemia) dato che il primo album risale addirittura al 2004 (il debutto “Separate Beds? I don’t think so…“). Finalmente il full length ha visto la luce (per ora solo in formato digitale) a fine maggio di quest’anno.

 

Walk Like A Lover” non tradisce le aspettative, i ragazzacci di Bruxelles condensano, in dodici brani, tante cose buone del millennio passato. Andreini e il chitarrista Neligan sono i pilastri su cui si regge il sound del gruppo, rinnovando quella tradizione compositiva di amore-odio propria delle collaborazioni tra frontman e lead guitarist (memori di sodalizi come Jagger/Richards o Johansen/Johnny Thunders e Iggy Pop/Williamson). Mike Mariconda, alla produzione, enfatizza l’anima glam/punk delle canzoni, che puzzano amorevolmente di New York Dolls (l’opener “When Things Go Wild” e in “Do You Wanna” e “Kamikaze Baby“) Sex Pistols, MC5, Stones (“Hit The Deck Joseph“, la title track, “The Curse Of Lovers“) Richard Hell (“Stick With Me“, “Teenage Blues“) Johnny Thunders anfetaminizzato (“Are You Mine“) Buzzcocks/Undertones (“In The Summer“) Ramones che fanno a botte coi Saints (“Come Back Lorraine“) e Stooges corretto Dead Boys (“Don’t Cut Me Lose“).

 

Niente di nuovo sotto il sole, possiamo sentenziare. Ma, oggigiorno, chi è che inventa qualcosa di nuovo nel rock ‘n’ roll, un genere in cui è stato già detto, fatto, scritto, filmato e suonato tutto? E allora godiamoci e teniamoci stretto questo usato sicuro.

 

TRACKLIST

 

1. When Things Go Wild
2. Hit The Deck Joseph
3. Do Ya Wanna
4. Stick With Me
5. Walk Like A Lover
6. Are You Mine
7. Kamikaze Baby
8. In The Summer
9. The Curse Of Lovers
10. Come Back Lorraine
11. Don’t Cut Me Loose
12. Teenage Blues

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

E’ morto Steve Albini

Un altro orrendo lutto arriva a devastare la comunità mondiale del rock ‘n’ roll in questo 2024. Nella giornata del 7 maggio, infatti, ci ha lasciati, all’età di 61 anni, anche Steve Albini, noto frontman, musicista, record producer (termine tuttavia detestato dal diretto interessato) e

THE STABBING JABS – S/T

“Screams, fuzz, dirt and RIFFS“. Questo è il manifesto programmatico sonoro dei Stabbing Jabs, nuovo incendiario progetto punk/blues/noise sparato fuori dall’underground statunitense che può vantare una line up dal pedigree rock ‘n’ roll di tutto rispetto, essendo formata da Peter Aaron (ex frontman dei Chrome

THE BATTLEBEATS – MEET YOUR MAKER

Una copertina clamorosamente figa fa da cornice al ritorno sulla lunga distanza di Andresa Nugraha, cartoonist e musicista indipendente indonesiano che, da un lustro a questa parte, infiamma i nostri padiglioni auricolari col moniker Battlebeats, one man project dedito a un lo-fi garage punk rapido

Redd Kross, a giugno il nuovo album

Il 2024 è un anno di grandi traguardi e celebrazioni per i Redd Kross, che festeggiano i quarantacinque anni di percorso musicale (la band è stata infatti fondata nel 1979 dai fratelli Steven e Jeff McDonald