iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Märvel – Double Decade

Grandissimo ritorno degli svedesi Märvel uno di gruppi di hard rock scandinavi più longevi ed apprezzati, e il perché del loro successo è racchiuso in questa doppia raccolta celebrativa.

Märvel – Double Decade

Grandissimo ritorno degli svedesi Märvel uno di gruppi di hard rock scandinavi più longevi ed apprezzati, e il perché del loro successo è racchiuso in questa doppia raccolta celebrativa. Dopo aver pubblicato il loro nono album in studio “Graces Came with Malice” il trio ha organizzato il proprio festival “Märvelfest” che ha avuto un ottimo riscontro di pubblico e dopo aver fatto un giro di concerti in Spagna eccoli qui a riproporci il loro meglio in due dischi su The SIgn Records.

 

La magia dei Märvel è nel loro hard rock melodico ed abrasivo al contempo, nelle loro linee melodiche che colpiscono ad ogni ascolto, il loro mettere assieme in maniera pressoché i Kiss, gli anni settanta, il glam rock, lo sleaze rock e tutte quelle vibrazioni che rilasciano nell’etere ad ogni canzone. Il tiro dei Märvel è difficilmente spiegabile se non li si sente, e vi catturano subito, se siete amanti di un certo hard rock, ma sono di quello. I Märvel sanno intrattenere, emozionare e farvi ballare ovunque voi siate, con pezzi come ” Godess on the loose”, per poi cambiare marcia e farsi più dilatati con “Ambassador of fantastic” e ce n’è per tutti i gusti.

 

Le composizioni del gruppo si snodano sempre bene, con un altro grado di infiammabilità e con uno straordinario senso della melodia, che è forse il loro maggior tratto distintivo. I riff di chitarra e anche gli assoli con le sei corde sono il tratto distintivo del gruppo, ma non sono solo questi a connotare il tutto , bensì un grande amalgama del suono.

Prendete i Kiss che decidono di fare un gruppo con gli Hellacopters e arrivano anche i Turbonegro, e avrete una minima idea di ciò che sono i Märvel.

Un’immagine molto più fedele ve la darà ascoltare questo doppio disco, con tutti i loro brani migliori remasterizzati e sono stati anche inseriti brani notevoli ma di difficile reperibilità, per avere un quadro ancora più completo di cosa sia questo gruppo. Le gioie che potrete trovare in questa raccolta per il loro ventennale le incontrate sparse anche per i loro dischi, ma qui si sentono meglio e sono concentrate.

 

Sarebbe davvero difficile ed ingiusto scegliere un brano migliore in questo doppio disco, sia perché potrebbero esserlo tutti, sia perché ognuno eleggerà il suo. Un gruppo underground ma che possiede anche un notevole tiro pop che lo faranno apprezzare ad orecchie meno avvezze e dedite all’hard rock, e che è già amato da chi ascolta hard rock di un certo tipo. Ovviamente qui dentro c’è una bella dose di glam e chi ha orecchie per intendere, intenderà.

 

Raccolta esplosiva per il gruppo di Li che si fa amare alla follia.

 

Märvel

The King – Guitars, Lead Vocals
The Vicar – Drums
The Burgher – Bass

https://www.facebook.com/marveltheband

https://www.instagram.com/marveltheband/

https://marveltheband.bandcamp.com/music

https://www.facebook.com/thesignrecords

http://thesignrecords.com

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Intervista Michele Borgogni

Abbiamo avuto la fortuna di fare due chiacchiere con Michele Borgogni, scrittore aretino di weird, fantascienza, ma soprattutto cantore di storie belle, interessanti e che nascono spesso dal nostro quotidiano, che è già molto weird di suo.