iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Lycus – Tempest

I Lycus, con questo loro disco d’esordio, si presentano come una delle nuove e più fulgide realtà della scena funeral

Lycus – Tempest

Per fortuna, contro ogni ragionevole pronostico, c’è sempre qualcuno in giro per il mondo che, colpito da chissà quale strano morbo, da un giorno all’altro decide di mettersi a suonare una musica lenta, opprimente, dalle possibilità pressoché nulle di raggiungere altre orecchie se non quelle di una ristrettissima cerchia di persone: questa musica è il funeral doom …

I Lycus arrivano da Oakland e, a giudicare dalle immagini rinvenibili sul web, sembrerebbero piuttosto giovani; probabile, quindi, che quando i Thergothon fecero la loro comparsa sul pianeta, i nostri nella migliore delle ipotesi fossero ancora dei simpatici bimbetti occupati a divertirsi nella assolate spiagge californiane e del tutto ignari di ciò che avrebbe riservato loro il futuro.
L’accostamento con i seminali finlandesi è d’obbligo, visto che il funeral dei Lycus prende le mosse da alcuni dei loro discepoli più illustri, quali Evoken, Asunder, Colosseum e Mournful Congregation, e mi sento di garantire che tali paragoni sono tutt’altro che audaci od avventati.
Tempest è, infatti, un disco immerso fino al midollo in quelle sonorità “antiche”, che sono state marchiate a fuco da chi è riuscito a manipolare questa materia magmatica rendendola “Arte”; anche in virtù di questo, appare naturale considerare i ragazzi californiani gli eredi a pieno titolo degli ormai disciolti concittadini Asunder.
Come Burn, che apre il trittico di brani facenti parte del disco, fin dalla prima mortifera nota, mostra come i Lycus siano in grado di maneggiare l’insidioso elemento con insospettabile maestria, macinando riff dolenti supportati da un growl catacombale, al quale talvolta si affiancano tonalità in screaming o corali; affiorano più volte sensazioni che riportano alla memoria i Colosseum del compianto Juhani Palomaki, in particolare per la capacità di mantenere sempre ben presente il senso melodico del brano pur nell’impietoso snodarsi delle litanie strumentali.
Le tracce successive, Engravings e la title-track, contribuiscono in maniera decisiva alla riuscita di quest’album, attestandosi anch’esse sull’eccellente livello del brano di apertura; non convince del tutto solo la scelta di affidare la chiusura di Tempest a ben sette minuti di asettico ambient drone, francamente del tutto evitabili.
Apprezzabile, invece, la scelta invece di diversificare di tanto in tanto i ritmi, come accade con la sfuriata simil-black (con tanto di abrasivo screaming) posizionata sempre all’interno di quest’ultima traccia.
In definitiva i Lycus, con questo loro disco d’esordio, si presentano come una delle nuove e più fulgide realtà della scena funeral; solo il tempo, che è sicuramente dalla loro parte, ci potrò dire però se saranno in grado di ripercorrere le orme delle band alle quali si sono ispirati e che di questo genere hanno fatto la storia.

Tracklist:
1. Coma Burn
2. Engravings
3. Tempest

Line-up :
Trevor – Drums, Vocals
Jackson – Guitar, Vocals
Dylan – Guitar
Daniel – Bass, Vocals

LYCUS – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

SolNegre – Annihilation of the Self

Annihilation of the Self è un ep in cui le più nobili fonti di ispirazione dei SolNegre vengono convogliate all’interno di un tessuto musicale costantemente in divenire e privo di smagliature, ruvido e compatto ma, allo stesso tempo, malinconico e melodico come deve essere il migliore death doom.

Abyssal – Glacial

Con Glacial gli Abyssal alzano ulteriormente l’asticella qualitativa perché in questa traccia unica di oltre quaranta minuti dal doloroso incedere si compie l’ideale connubio tra la scarnificazione del sound e il più canonico e pesante susseguirsi dei riff.

Urza/Calliophis – Dawn of a Lifeless Age

Calliophis e Urza uniscono le loro forze proponendo lo split album Dawn of a Lifeless Age, molto interessante oltre che di durata corposa, con ciascun gruppo a proporre due brani inediti di durata superiore ai 10 minuti e, soprattutto, di ottimo livello qualitativo.

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico