Loveland – Order To Love

Loveland – Order To Love

Mettiamola così:se hai intenzione di registrare un album di musica sixties-oriented essere la compagna di vita di sua maestà Rudi Protrudi non può che aggevolare la cosa.
Se poi hai una buona voce,che cresce ascolto dopo ascolto,e ti diletti con buoni risultati a suonare un organo Vox ecco che il gioco è fatto.

Forte di cotante credenziali Miss Lana Loveland ci propone questo “Order to love” che,contrariamente a quanto propostoci dai gemellati Fuzztones,trae la sua ispirazione dalla psichedelia se non addirittura dal west-coast sound.
L’avvio è avvolgente e sensuale sulle note di “Black glove” mentre la vena più psichedelica traspare in “Theater of dreams”, i giri si alzano con il ritmo incalzante di “Missing link” per poi fare spazio all’ottimo esercizio hammond-beat di “Wating”,c’è spazio anche per un brano a firma Rudi Protrudi “Bandit” per chiudere in bellezza con l’anthem garage-pop di “Constant furs”.
Come accennato inizialmente per quanto riguarda la voce di Lana lo stesso si può dire per l’intero album,vale a dire che per poter essere apprezzato a pieno abbisogna di vari ascolti,mi sento quindi di consigliarvi una buona cura di Loveland,non potrete che trarne beneficio.

Info e contatti : waww.groovierecords.com

Loveland - Order to love

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Märvel – Double Decade

Grandissimo ritorno degli svedesi Märvel uno di gruppi di hard rock scandinavi più longevi ed apprezzati, e il perché del loro successo è racchiuso in questa doppia raccolta celebrativa.

Tigre - Contro Tigre

Tigre – Contro Tigre

Ad aggiungersi alla prestigiosa lista dei portabandiera di un qualcosa che è molto di più di un genere musicale ci pensano i Tigre che, con i quattro pezzi di questo mini, segnano il loro primo rumoroso vagito.

Eyeless In Gaza – Photographs as memories

Ristampa della meritoria Spittle Records del primo disco del 1981 degli inglesi Eyeless in Gaza, nome tratto da una novella di Aldous Huxley, uno dei gruppi culto degli anni ottanta e non solo. Questa ristampa rende giustizia ad un disco troppo spesso sottovalutato e relegato negli episodi minori del grande gruppo britannico.