Lester Greenowski – Carpenter’s Cult 

Lester Greenowski – Carpenter’s Cult 

Con questo omaggio al genio di John Carpenter il nostro Lester chiude idealmente i festeggiamenti per i suoi vent’anni al microfono.
Vent’anni di palchi da allestire, di ampli da montare e smontare, di chilometri percorsi, di serate esaltanti e deludenti, di gioia, di rabbia, di timpani sfondati.
Lester con la sua musica sarebbe potuto diventare discretamente ricco, il talento e la presenza scenica –  chi ha avuto la fortuna di vederlo dal vivo lo potrà confermare – li ha, ed invece continua a fare le sue cose per chi come noi ha voglia e predisposizione per ascoltarle.
Attenzione non sto facendo l’elegia del looser, non sono né il caso né la persona adatti, sto solo parlando di passione, di riferimenti culturali, di attitudine; perché il nostro questi vent’anni poteva spenderli diversamente ma li ha voluti riempire di canzoni, di emozioni, di elettricità. Bene direi che è venuto il momento di parlare di canzoni, delle canzoni contenute in questo disco in fondo, ma neppure troppo, quello che dovrei fare.
La scaletta è aperta da Halloween che è intrisa dell’ hard rock più virtuoso quello che il nostro è solito bazzicare, Christine lambisce – egregiamente – territori glam mentre Vampires vita decisamente verso il punk con quel quid in più che la voce di Lester sa dare.
Per quanto mi riguarda la vetta di questo album è rappresentata dai ritmi sostenuti di Assault on Precint alla quale fanno seguito le ramonesiane The Thing e Big Trouble in China (la seconda arricchita da pregevoli spunti power pop), la garagistica Village of the Damned per chiudere con la evocativa ma mai stucchevole The Fog.
Resta ancora vent’anni ed oltre a tenerci compagnia amico mio perché guardando la mia collezione di dischi vedere il tuo nome ricorrente mi riempie di gioia e non sono certamente il solo a pensarlo.

Lester Greenowski – Carpenter’s Cult

Lester Greenowski – Out Of Tune, Out Of Key

Lester Greenowski / The Empire Strikes – Split 7 Pollici

The Crybabys / Lester Greenowski – The Italian Job

Lester Greenowski – It’s Nothing Serious Just Life

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati

Tropical Fuck Storm - Submersive Behaviour_cover

Tropical Fuck Storm – Submersive Behaviour

È qui e richiede attenzione, perché i Tropical Fuck Storm hanno dimostrato più volte di saper far bene, di saper maneggiare il rock (alternativo, indie, noise, quello che volete) meglio di tanti altri – ma direi di quasi tutti.

Luca Ottonelli

Luca Ottonelli. E’ nato a Genova nel 1969 e ho completato i primi studi artistici avendo come maestro di Figura G. Fasce.