Lester Greenowski / The Empire Strikes – Split 7 Pollici

Lester Greenowski / The Empire Strikes – Split 7 Pollici

Nel nostro ristretto ambito fatto di musicisti, fanzinari, appassionati, gestori di torbide etichette discografiche noi pavidi e insensati idealisti cerchiamo delle persone a noi affini con le quali poter parlare di cose che al resto del mondo sembrerebbero insensate.

Ma ahimè anche in questo apparentemente idilliaco angolo di paradiso non tutti sono come li vorremo, ma quelli che lo sono beh quelle sono persone speciali. Uno fra questi è Lester Greenowski (nella vita di tutti i giorni Alberto Artioli) con il quale ho avuto in sorte di rapportarmi una sola volta e, nonostante si stesse approssimando l’inizio di un suo concerto e si stesse ravvivando i capelli (gesto per il quale ho provato un misto di invidia rabbia e odio), è stato gentilissimo, mi ha detto di aver apprezzato ciò che avevo scritto sul suo disco per poi piacevolmente divagare come due persone che si conoscessero da anni. E’ per questo, ed anche e sopratutto perché è uno che le canzoni le sa scrivere davvero, che vedermi recapitato nella cassetta delle lettere un 7″ con il suo nome non può che avermi fatto un enorme piacere.

In questo caso si tratta di uno split equamente diviso con i finlandesi Empire Strikes, anch’essi una vecchia conoscenza per chi attinge dal sempre inappuntabile catalogo Area Pirata. Due pezzi per facciata quindi, inizia il nostro Lester con Mantra (Another Ramones Rip Off) un pezzo che, non vorrei sbagliarmi, sembra dedicato a qualcuno ma francamente non ho colto a chi, va beh se lo capite ditemelo, a ruota segue Wasted Mary Ann un esercizio di (grande) stile a cavallo fra glam e punk genere nel quale il nostro ha davvero pochi rivali, ottimo davvero. Giriamo facciata ed andiamo ad ascoltarci i pezzi del quartetto scandinavo dei quali francamente sarebbe inutile indicare la provenienza geografica vista la loro proposta tutta giocata su quell’ottimo high energy rock’n’roll che ha reso rinomata la scena del nord europa; tra i due pezzi da loro presentati preferisco la più diretta Enter The Denim ma anche il pezzo successivo Ms Mrs.Andersson non è affatto male. La copertina fumettistica in un affascinante bianco e nero (e grigio) rende questo dischetto ancor più appetibile.

Come sempre, ed anche più di sempre buy or die!

TRACKLIST

Lester Greenowski :
1) Mantra (Another Ramones Rip Off)
2) Waster Mary Ann

The Empire Strikes :
1) Enter The Denim
2) Ms Mrs. Andersson

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati

Tropical Fuck Storm - Submersive Behaviour_cover

Tropical Fuck Storm – Submersive Behaviour

È qui e richiede attenzione, perché i Tropical Fuck Storm hanno dimostrato più volte di saper far bene, di saper maneggiare il rock (alternativo, indie, noise, quello che volete) meglio di tanti altri – ma direi di quasi tutti.

Luca Ottonelli

Luca Ottonelli. E’ nato a Genova nel 1969 e ho completato i primi studi artistici avendo come maestro di Figura G. Fasce.