Les Spritz – Payaso

Les Spritz – Payaso

Peppe, Gaetano e Ciccio, ovvero i Les Spritz, sono arrivati al loro terzo lavoro in studio, Payaso. Originari di quella Sicilia, anzi di quella Catania, che ha come orgoglio musicale gli Uzeda e che trova in Sacha Tilotta un indiscusso punto di riferimento, questo trio a metà tra noise e improvvisazione jazz-core traccia nove percorsi sonori strumentali, mixati dal tanto caro Bob Weston di Chicago.

Villeri parte tritando bassi cancerosi, aprendosi a piccole riflessioni ritmiche, gridando “hey” con vena hardcore stile ’80, graffiando con quella chitarra rugginosa e riesumando (quasi) i Fugazi. Payaso, più cerebrale e frammentata, nonché più veloce e schizoide, rigurgita allegri motivetti melodici grazie alla tromba che, a sorpresa, compare in mezzo al sabba nero messo in atto dai tre. Plinio Fernando, squartata dalla chitarra che ferisce come una lama impazzita, tira in ballo (ovviamente) anche Big Black e Shellac, mentre l’intreccio sonoro si fa più incalzante e teso. Satanetto aumenta ulteriormente i ritmi e la forza tellurica, mentre il basso nei momenti di quiete (???) recita il suo folle dialogo con chitarra, fino alla distensione, affidata alla tromba. Svernakovich, molto interrogativa e nervosa nella prima parte, si distende nella seconda cullandoci nella sua oscurità, fino a crescere e ritornare esagitata. Emicrania dice già tutto nel nome, mentre il suo incedere ritmico a singhiozzo affascina e ipnotizza. Alfonso Claps ruggisce per avvisarci dell’imminente impatto sonoro che ci attende, ma è una finta, vista la relativa calma che caratterizza il pezzo. Fuel On 12 marcia dritta e decisa come una slavina, scavalcando qualsiasi ostacolo gli si ponga davanti. Infine, Glasnot, in piena emergenza, sguinzaglia la tromba, fino a concedersi la tanto ambita quiete.

I Les Spritz mettono su disco un lavoro di buona qualità, ma che, forse, non riesce a spiccare molto per quanto riguarda l’originalità. La musica, nonostante l’alta tecnica e la buona capacità compositiva, non ha un mordente tale da poter rapire l’ascoltatore. Rimane un buon ascolto, certamente, ma non si grida al miracolo o al capolavoro.

TRACKLIST:
01. Villeri
02. Payaso
03. Plinio Fernando
04. Satanetto
05. Svernakovich
06. Emicrania
07. Alfonso Claps
08. Fuel on 12
09. Glasnot

LES SPRITZ - PAYASO

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati

Tropical Fuck Storm - Submersive Behaviour_cover

Tropical Fuck Storm – Submersive Behaviour

È qui e richiede attenzione, perché i Tropical Fuck Storm hanno dimostrato più volte di saper far bene, di saper maneggiare il rock (alternativo, indie, noise, quello che volete) meglio di tanti altri – ma direi di quasi tutti.

Luca Ottonelli

Luca Ottonelli. E’ nato a Genova nel 1969 e ho completato i primi studi artistici avendo come maestro di Figura G. Fasce.