King Of The Opera – Driftwood

King Of The Opera – Driftwood

I King Of The Opera di Alberto Mariotti (già noto ai più sotto il nome di Samuel Katarro), ritornano, a circa un anno di distanza dall’ottimo Nothing Outstanding, con il breve ep Driftwood. Il lavoro, coprodotto da Andrea Rovacchi (Julie’s Haircut) e incentrato sul tema della deriva fisica e interiore, si compone di un unico brano suddiviso in tre parti.
Il punto di partenza è il leggero e pacato muoversi di Colours And Lights (un timido drone alle spalle a delineare un orizzonte lontanissimo; voce, chitarra e pianoforte in primo piano a dar un senso di fragilità e solitudine), mentre il cuore dell’opera è il lento e inesorabile crescere di I Remember Something che, una volta preso vigore, non ci abbandona più. Counting Shadows, infine, con la sua ipnotica melodia di pianoforte, lascia la presa solo nella parte conclusiva, riportandoci in uno stato di calma vicino (ma diverso) a quello iniziale.
I King Of The Opera, proseguendo sul percorso fatto di sperimentazione ed esplorazione sonora iniziato con il precedente disco, danno vita a un ep interessante e coinvolgente. I tre brani presentati, infatti, se a una prima impressione potrebbero sembrare abbastanza anonimi, una volta compresi e metabolizzati, rivelano un’anima e un contenuto di indiscutibile spessore.

Tracklist:
01. Colours And Lights
02. I Remember Something
03. Counting Shadows

Line-up:
Alberto Mariotti
Wassilij Kropotkin
Simone Vassallo

KING OF THE OPERA – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati