Kernel Drop – The Dreambox

Kernel Drop – The Dreambox

Kernel Drop - The Dreambox: (autoprodotto) Parte "Microarchitecture" e sembra quasi di ascoltare una versione electro delle intuizioni di Ralf & Flo...

(autoprodotto) Parte “Microarchitecture” e sembra quasi di ascoltare una versione electro delle intuizioni di Ralf & Florian, periodo pre-Kraftwerk; segue “The Speed Of Sound”, una lunga e affascinante suite elettronica, e la memoria risale agli Autechre o, più in generale, ad alcune delle produzioni “intelligent techno” che hanno reso celebre un’etichetta come la Warp nei primi anni novanta.
Se, a questi riferimenti, aggiungiamo il suono “cosmico” tedesco di fine anni sessanta/primi anni settanta avremo la cifra stilistica e le coordinate all’interno delle quali opera Kernel Drop, la sigla dietro la quale si cela Stefano Serafino, sperimentatore torinese appassionato di suoni non convenzionali, sintetizzatori e di tutto un immaginario cosmico/spaziale.

“The Dreambox” è, dunque, più che mai un titolo appropriato per un album composto da lunghe e visionarie esplorazioni elettroniche (tre episodi su sette superano i dieci minuti), veri e propri viaggi astrali con l’innesto, in alcuni passaggi, di sonorità dance (“Kaleidovision”), in altri casi contaminati con suoni di provenienza etnica (le percussioni di “Kernel-Drops”).
Una delle possibili derive di un suono perduto, un suono di ricerca che Serafino mostra di maneggiare con sapienza e se, come nel caso dell’ottima “Macroarchitecture”, riuscirà a sviluppare il suo discorso musicale con maggior sintesi, le cose di faranno ancora più interessanti.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Incontro d'amore in un paese in guerra di Luis Sepùlveda

Incontro d’amore in un paese in guerra di Luis Sepùlveda

Nei ventiquattro racconti contenuti in questo libro, tra le tante cose, ci verrà raccontata la notte di terrore di un ricercato politico che attende l’arrivo di uno “squadrone della morte”; Incontro d’amore in un paese in guerra di Luis Sepùlveda.

Violino Banfi – Violino Banfi

Ho conosciuto Violino Banfi su Facebook, per caso. Sempre per caso ho beccato proprio il momento esatto in cui stava per fare uscire il suo debutto su CD, questo. Per puro caso l’ho contattato per chiedergli una copia del CD e se voleva una recensione; il caso ha voluto che accettasse.

Helvete’s Kitchen File

Helvete’s Kitchen: etichetta indipendente che si è presa la briga di patrocinare e garantire per questi due favolosi dischi, ma anche per spiegare cosa sia davvero suonare, pensare e vivere a bassa risoluzione.