Iñigo Vontier El Hijo Del Maiz

Iñigo Vontier El Hijo Del Maiz

Iñigo Vontier El Hijo Del Maiz 1 - fanzineUn disco spiazzante e che ampia di molto la nostra conoscenza della musica elettronica, nel senso che ci fa ammirare cose che non conoscevamo, o che come nel celeberrimo racconto di E.A. Poe abbiamo da sempre sotto gli occhi e non ci siamo accorti della loro presenza.

Musica elettronica a mille gradi per la seconda opera di Iñigo Vontier, un giovane messicano che è nominalmente un produttore e dj, ma che in realtà è uno sciamano che amplia le nostre visioni musicali e non solo. Qui dentro c’è di tutto, dal funk all’elettronica anni ottanta, da una specie di house dissossata ad un senso di dub che avvolge il tutto.

In questo disco il tempo si dilata, la musica entra nel nostro cervello e nelle nostre vene e prende possesso della nostra visione. Ogni traccia è un mondo a sé da esplorare, Iñigo ci regala sorprese ad ogni angolo, basti ascoltare Marijuana con la grande partecipazione di Thomass Jackson suo socio nell’ etichetta Calypso, per avere una parzialissima idea di cosa sia questo disco.

Il funky è una parte molto importante di questo lavoro, dato che quasi tutti i bassi sono in quella direzione. Troviamo anche un tropicalismo molto personale e molto potente, quasi un saper perdere o meglio spendere il proprio tempo nella migliore delle cose, ovvero la musica, e questa è grande musica.

Si sogna, ci si bagna in acque fresche ed incontaminate, grazie ad una scrittura musicale che non conosce l’ansia, che vive in primis di curiosità e di tranquillità, ampliare i nostri sensi per andare oltre, là dove si può star bene. E lo star bene è uno degli effetti principali di questo disco assai poco comune, alieno alle etichette e che vive di luce propria.

El Hijo Del Maiz è un disco che va oltre, un rito che ci avvicina al nostro vero spirito, e che usa l’elettronica verso il suo scopo originale e più antico, ovvero quello di creare una coscienza altra.

01. Xu Xu Feat. Xen
02. Bo Ni Ke
03. Awaken Feat. Drugface
04. Don‘t Go Back
05. Chiquitita Feat. DJ Rocca
06. Little Monster
07.Marijuana Feat. Thomass Jackson
08. Brujos Feat. Beyou
09. I Never Try

https://www.facebook.com/lumierenoirerecords/

 

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati