iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Hornwood Fell – Yheri

Gli otto brani che compongono Yheri non sono di immediata fruibilità ma neppure eccessivamente cervellotici, consentendo all’ascoltatore di immergersi con un certo agio nelle atmosfere oscure e disturbanti create dagli Hornwood Fell.

Hornwood Fell – Yheri

A un anno e mezzo dal buonissimo esordio omonimo, ritroviamo i laziali Hornwood Fell alle prese con un secondo full length che spiazza e sorprende nel contempo.

Se “Hornwood Fell” era un lavoro che mostrava una competente devozione verso gli aspetti più ortodossi del black metal, Yheri ribalta in maniera decisa tutto ciò portando il sound su un piano molto più elaborato, tra marcate sfumature post-metal, dark e progressive che finiscono per ampliare in maniera ottimale lo spettro sonoro dei nostri senza snaturarne troppo l’identità.
Infatti, se evoluzione doveva esserci, questa avviene mantenendo ben saldo non solo il marchio lirico e concettuale, ma sopratutto una fluidità compositiva che non viene meno nonostante la maggiore complessità dei brani.
Volendo azzardare un accostamento che magari potrebbe risultare discutibile per alcuni, trovo molto dell’insegnamento dei Novembre in questo disco: gli Hornwood Fell ovviamente spostano il tutto su un piano molto più estremo, ma certe malinconiche pennellate e lo stesso utilizzo frequente delle clean vocals riportano più di una volta alla memoria i più illustri corregionali. Allo stesso tempo, tra quei musicisti che sono passati dal black metal tradizionale ad una forma più elaborata di metal estremo e progressivo senza smarrire la propria identità artistica, l’accostamento alle opere post-Emperor di Ihsahn è altrettanto naturale.
Gli otto brani che compongono Yheri non sono di immediata fruibilità ma neppure eccessivamente cervellotici, consentendo all’ascoltatore di immergersi con un certo agio nelle atmosfere oscure e disturbanti create dai fratelli Basili: le ottime The Encounter e The Snowstorm sono le tracce migliori, a mio parere, tra quelle che portano all’eccellente epilogo “novembrino” di Them!, ma Yheri è comunque un’opera compatta nel suo incedere, che magari non tocca ancora vette elevatissime mantenendo però in ogni momento uno standard qualitativo oltremodo soddisfacente.
Considerando che questa non si può certo ritenere una scelta di convenienza o ancor peggio dai risvolti commerciali, l’approdo degli Hornwood Fell su una forma musicale più composita non va derubricato ad una sorta di abiura del black metal, visto che molti dei suoi ingredienti di base, a partire dall’umore cupo e inquieto, appaiono sempre ben radicati tra le note di Yheri.

Tracklist:
1. Walking in the Woods
2. The Encounter
3. At His Awakening
4. The Snowstorm 03:51
5. The Rebellion
6. The Other Generated
7. These Trees Are Watchihng
8. Them

Line-up:
Andrea Basili – Drums
Marco Basili – Guitars, Bass, Vocals

HORNWOOD FELL – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Who Dies in Siberian Slush – Уроки cмирения

Уроки cмирения è un’opera rigorosa e compatta, con alcuni brani più melodici di altri senza che ciò provochi un’oscillazione eccessiva a livello qualitativo. Gli Who Dies in Siberian Slush si confermano con questo ultimo lavoro tra gli interpreti più credibili e genuini del funeral doom mondiale e questo, da solo, è un motivo più che valido per dar loro fiducia ancora una volta.

Shamael – Il Suono di Mille Orchestre Parte II

Galasso con quest’opera a nome Shamael conferma di aver scelto nuovamente la strada più difficile per giungere all’attenzione degli appassionati e fa bene, sia per i risultati raggiunti sia perché un ipotetico successo commerciale sarebbe irraggiungibile in questo segmento stilistico, anche offrendo sonorità più edulcorate; l’esito de Il Suono di Mille Orchestre è gratificante e per certi versi anche più peculiare, rivelandosi la maniera ideale per il musicista pugliese di veicolare il suo profondo sentire.