Free Nelson Mandoomjazz – The Organ Grinder

Free Nelson Mandoomjazz – The Organ Grinder

L'impressione è che l'ispirazione originaria sia stata messa leggermente da parte per rendere il tutto un po' troppo ragionato e pianificato

A un anno e mezzo da “Awakening Of A Capital”, gli scozzesi Free Nelson Mandoomjazz ritornano con The Organ Grinder. Per l’occasione, la formazione capeggiata da Rebecca Sneddon e Colin Stewart mette su disco undici intensi brani che, in maniera ancor più ragionata rispetto al passato, esplorano le nere profondità del doom per mezzo del jazz (e viceversa).

Il sax sinuoso di Open The Gate, accompagnato dalle scure note di basso e dal cadenzato procedere di batteria, scombina le carte solo nella parte conclusiva, lasciando che a seguire siano i ghirigori squillanti di You Are Old, Father William e il coinvolgente giro di basso dell’affascinante Funambule. I dieci minuti di The Woods, invece, astratti e piuttosto destrutturati, danno vita ad atmosfere misteriose e lievemente inquietanti, aprendo al contorsionismo strumentale, dai contorni noise, della morbida e leggera (nei lunghi momenti di quiete) Calcutta Cutie. Il procedere di basso di Lora, essenziale ed asciutto, fa da scheletro alle divagazioni di sax, mentre il caldo abbraccio di Bicycle Day introduce i timbri orientaleggianti di Inferno Pt. 1 e il procedere cerebrale di Shapeshifter. Always Go Left In The Maze, infine, tenendo incollati con il fascino delle note di basso, ci avvolge con il suo spirito emotivo, cedendo il compito di chiudere al torrido sciogliersi, su orizzonti desolati, dell’intensa e mistica Om.

Il nuovo capitolo discografico dei Free Nelson Mandoomjazz non delude le aspettative, ma non entusiasma come i lavori precedenti. L’impressione è che l’ispirazione originaria sia stata messa leggermente da parte per rendere il tutto un po’ troppo ragionato e pianificato. I pezzi notevoli non mancano (e nel complesso tutto viaggia oltre il livello della sufficienza), ma l’insieme non sembra all’altezza delle grandi aspettative che si potevano avere.

TRACKLIST
01. Open The Gate
02. You Are Old, Father William
03. Funambule
04. The Woods
05. Calcutta Cutie
06. Lora
07. Bicycle Day
08. Inferno Pt. 1
09. Shapeshifter
10. Always Go Left In The Maze
11. Om

LINE-UP
Rebecca Sneddon
Colin Stewart
Paul Archibald
Luc Klein
Patrick Darley

https://www.facebook.com/freenelsonmandoomjazz/?fref=ts

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

E’ morto Wilko Johnson

In questi ultimi sprazzi di 2022 siamo purtroppo costretti a registrare un’altra illustre dipartita nel mondo del rock ‘n’ roll. Ci ha lasciati infatti, il 21 novembre, anche Wilko Johnson, chitarrista, cantante e songwriter inglese noto per aver fondato la blues rock/r&b/pub rock band Dr.

Tre camerati di Erich Maria Remarque

Questo romanzo, pubblicato per la prima volta in Germania nel 1936, è scritto in prima persona dal punto di vista del personaggio principale, la cui visione disillusa sulla vita è dovuta alle terribili esperienze vissute nelle trincee sul fronte occidentale della Prima guerra mondiale; Tre camerati di Erich Maria Remarque, edito da Neri Pozza.