iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Dilaila – Musica Per Robot

Sono già scafati e si intuisce facilmente ascoltandoli questi Dilaila quintetto milanese che con "Musica per robot" ci propone il proprio secondo album.

Dilaila – Musica Per Robot

Sono già scafati e si intuisce facilmente ascoltandoli questi Dilaila , quintetto milanese che con Musica per Robot ci propone il proprio secondo album.

Forte di recenti esperienze sia televisive che concertistiche, la band sciorina le sue canzoni tratteggiate da atmosfere eteree, se non malinconiche, contrappuntate dalla suadente voce femminile della cantante.
E’ indubbio che il gruppo sia formato da valenti musicisti e che il loro suono sia curato e raffinato, ciò consentira loro, questo è almeno il mio augurio, di conseguire buoni riscontri anche dal punto di vista commerciale ma, ed eccomi alle dolenti note, quello che propone non è propriamente “pane per i miei denti”. Secondo il mio discutibilissimo parere le loro composizioni sono eccessivamente manieristiche e ciò fa si che tendano troppo spesso ad assomigliarsi fra loro, facendo affiorare non di rado una leggera sensazione di tedio.
Per quanto mi concerne il pezzo migliore dell’album e’ di gran lunga Psico-logo nel quale i ritmi si fanno finalmente più frenetici.
Certamente i Dilaila troveranno vaste schiere di ammiratori fra i fans dell’indie-rock più intimista,ma ,per quanto mi riguarda,non riescono proprio a far breccia nel mio cuore. Senza rancore ed alla prossima.

Tracklist:
1. L’insetto
2. I/O
3. Occhi di vetro
4. Musica per robot
5. Lucy
6. Moderna
7. L’ora del te’
8. Psico-logo
9. Requiem
10. L’apice

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

The Mourning After - Lately / Quit Bazar 7"

The Mourning After – Lately / Quit Bazar 7″

Pronti alla bisogna per assolvere nel migliore dei modi tale irrinunciabile esigenza ecco qui per me e per noi tutti, direttamente da quel di Sheffield, i veterani e collaudatissimi Mourning After ed il loro 7″ licenziato in questi giorni dalla Rogue Records.

Nico Plescia - Cecilia's Lullaby

Nico Plescia – Cecilia’s Lullaby

Una canzone che ricorda le filastrocche dei They Might Be Giants, sia pur essendo assai meno sghemba dei componimenti proposti dal duo americano, ma suonata con l’approccio di un Robyn Hitchcock.