iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Del Norte – I Was Badger Than This

I Del Norte sono un trio di scoppiati come noi, che prendono i Dinosaur Jr e ne esaltano gli angoli, non smussando nulla, con una potenza ed un'immediatezza che riportano immediatamente ad una scena alternativa anni novanta che sceglieva le esplosioni piuttosto che le imbellettature di tanti gruppi cosiddetti alternativi odierni.

Del Norte – I Was Badger Than This

Se vi manca in bocca il gusto ferroso e dolce al contempo di certe chitarre distorte anni novanta, con le batterie e i bassi che esplodono, il tutto fatto da un trio di musicisti, qui siete nel posto giusto. I Del Norte sono un trio di scoppiati come noi, che prendono i Dinosaur Jr e ne esaltano gli angoli, non smussando nulla, con una potenza ed un’immediatezza che riportano immediatamente ad una scena alternativa anni novanta che sceglieva le esplosioni piuttosto che le imbellettature di tanti gruppi cosiddetti alternativi odierni.

I pezzi sono grezzi, diamanti che sgorgano in faccia all’ascoltatore, la voce le chitarre ed il basso sono stati registrati in saletta, mentre la batteria è stato l’unico strumento registrato in studio.

L’effetto riporta direttamente a quei tempi di cui sopra, per mezzo di un effetto straniante, potente e molto originale, come i Pavement in vena di far casino e con una nonchalance tutta italiana. Tutto ciò era già evidente con il primo ep del gruppo, ma questo esordio sulla lunga distanza li pone direttamente nelle novità nostrane più interessanti. Non è facile cogliere così bene lo spirito di un tempo passato, riuscendo ad andare anche oltre, in maniera mai scontata e banale, riuscendo a rompere con il loro stile le fragili barriere del nulla sonoro che ci circondano in questi tempi. Non era meglio prima, era solo differente, ma quando senti pezzi dei Del Norte come Nothing behind the sunglasses si capisce nettamente che vi era bisogno di qualcosa di questo calibro, così distorto, dolce e coinvolgente. Alzate il volume come farebbe J Mascis e non ve ne pentirete.

Se poi scoprite anche il segreto celato in copertina li amerete ancora di più.

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Sumac – The healer

Sumac: una delle più particolari e meravigliose esperienze sonore che possiate compiere in questi tempi aridi.

Accept – Humanoid

Accept: l coerenza e la voglia di essere sempre all’altezza producono un disco come questo, indiscutibilmente buono.

Terramorta – Intifada

Esordio discografico per i Terramorta, gruppo grindcore metal con un tiro esagerato, un qualcosa che ti si attacca addosso come una sanguisuga e non ti molla fino alla fine.