J Mascis – Elastic Days

J Mascis – Elastic Days

Scrivere una recensione su J Mascis è come rimestare sul mio/nostro passato. Compagno di ore liete e meno liete per noi di IYE e per il sottoscritto, insieme a pochi altri musicisti ha formato la nostra cultura a sette note, ma non solo.
Dischi come “Green Mind”, “Where you Been” hanno riscritto pomeriggi assolati in bici sul lungomare.

L’etichetta discografica Subpop stampa questo suo terzo album solista: “Elastic Days”, in compagnia del nostro ci sono pezzi da novanta come Pall Jenkins dei Black Heart Procession e Mark Mulcahy.

Registrato a casa sua a Amherst, il disco è quello che ci aspettiamo dal folk rock psycho: una figata.
“See You At The Movies”, “Everything She Said”, “Web So Dense” sono perle in questo panorama musicale freddo, almeno a mio parere.
I dodici capitoli sanno accompagnarci con maestria e romanticismo nel mondo J Mascis, come fa da anni, una carezza da un caro amico che spesso non riceviamo ma che vorremmo ricevere.

Ascoltatelo, vi farà stare meglio!

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati