Cavalcando Il Sole 10: Andando Lontano (andrea Magno)

Cavalcando Il Sole 10: Andando Lontano (andrea Magno)

Claudio Spinosa legge Andrea Magno

Una sindone,
a coprire
poligamia di emozioni,
arditi equilibrismi
tra segreti e bugie,
grande figlio di puttana,
non mi pento,
lastricavo strade di parole
a riempire vuoti,
raccontavo di timori
tra me e me,
aspettando,
senza nessuna riserva,
la fine del mistero,
adesso tremo,
tremiamo,
non voglio guardarti,
voglio morderti,
e manca respiro
respirandoti,
mentre infligge piacere
quella lingua
sfiorando labbra.

Andrea Magno

Cavalcando il sole 1 : Medusa (Marzia Sirio)
Cavalcando il sole 2 : Roberta Placida
Cavalcando il sole 3 : Reperibilità Notturna
Cavalcando il sole 4 : Fragile (Antropoetico)
Cavalcando il sole 5 : Il Tempo (Giuseppe Ciacchera)
Cavalcando il sole 6: Accettare
Cavalcando il sole 7 : Sono un airone (Giuseppe Russo)
Cavalcando il sole 8 : Una Mattina (Maria Derna)
Cavalcando il sole 9 : Nel giardino di Hermes (Alessandra Prospero)

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
1 Comment

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati