Amen! – Preghierine

Amen! – Preghierine

Una band che ha del potenziale, ma che deve ancora schiarirsi le idee

Gli Amen!, pop band toscana composta da Diego Nicchi, Marco Alfonsi, Andrea Gregori e Davide Bussu, debuttano sulla lunga distanza con i sette brani di Preghierine. Il lavoro, prodotto da Andrea Marmorini, si muove, senza particolari pregi, a metà fra indie rock, pop e rap.

La chitarra vivace de Le Rivoluzioni, con il suo andamento corale (guidato dalla tromba durante i ritornelli), apre al determinato incrociarsi di batteria, basso e chitarra della trascinante Le Piazze.
Il pop in stile Zero Assoluto de Le Parole, provando a sforare in ingenui tentativi rap, lascia che a seguire sia la chitarra grassa de Le Montagne.
Marinai, infine, ritornando in zona Zero Assoluto, introduce la innocua malinconia de I Debiti Del Bar (ritornelli carichi di energia, un finale un po’ meno scontato) e il piglio vagamente funky, virato poi su scure chitarre, della conclusiva Umori.

L’esordio degli Amen! si dimostra fin dal primo ascolto orecchiabile e vivace, ma mai coinvolgente e accattivante come si potrebbe sperare. L’impressione, infatti, è che, tra momenti indie rock, chitarre anche distorte, passione pop e inserti rap, non si sia ancora scelto quale direzione prendere. Una band che ha del potenziale, ma che deve ancora schiarirsi le idee.

TRACKLIST:
01. Le Rivoluzioni
02. Le Piazze
03. Le Parole
04. Le Montagne
05. Marinai
06. I Debiti Del Bar
07. Umori

LINE UP:
Diego Nicchi
Marco Alfonsi
Andrea Gregori
Davide Bussu
Francesco Checcacci
Ivan Elefante
Alessandro Chiorino

AMEN! – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Violino Banfi – Violino Banfi

Ho conosciuto Violino Banfi su Facebook, per caso. Sempre per caso ho beccato proprio il momento esatto in cui stava per fare uscire il suo debutto su CD, questo. Per puro caso l’ho contattato per chiedergli una copia del CD e se voleva una recensione; il caso ha voluto che accettasse.

Helvete’s Kitchen File

Helvete’s Kitchen: etichetta indipendente che si è presa la briga di patrocinare e garantire per questi due favolosi dischi, ma anche per spiegare cosa sia davvero suonare, pensare e vivere a bassa risoluzione.