iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Whelm – A Gaze Blank And Pitiless As The Sun

Grandissimo e per certi versi inatteso, questo esordio su lunga distanza dei danesi Whelm, autori di uno sludge/doom dai tratti disperatamente cupi e intensi.

Whelm – A Gaze Blank And Pitiless As The Sun

Nonostante la proposta della band di Copenhagen sia in qualche modo avvicinabile all’evoluzione stilistica dei Process Of Guilt, tanto per fornire un’idea, va detto però che rispetto ai lusitani il suono mantiene la pesantezza e la cadenza tipica della frangia più estrema e priva di compromessi del doom.
Se i primi due brani sono ottimi ma, tutto sommato, rispettosi esempi della tradizione, capaci comunque di far trasparire quell’inquietudine di fondo che sarà nostra fedele compagna fino all’ultima nota, è con From The Trenches Of Perception che il disco esplode nel suo versante più cupo, carico fino all’inverosimile di un dolore che monta sino a divenire una rabbia ottundente, ben descritta dall’alternanza vocale tra i due chitarristi Atli e Mikkel.
Perpetual Blindness ritorna inizialmente sui plumbei territori del death-doom per poi riprecipitare nel vortice del post-hardcore più caliginoso e lasciare quindi spazio al brano più lungo dell’album, Delphina La Laurie, nel quale, attraverso le note essenziali di un pianoforte fanno capolino rari momenti di malinconia, spazzati via repentinamente da riff capaci di erigere spesse muraglie di impenetrabile oscurità.
Una breve e dissonante traccia strumentale introduce ai venti minuti finali di Ghosts In The Undergrowth ed Event Horizon, che completano l’opera di demolizione psichica dell’ascoltatore, il quale però, quasi fosse afflitto da una variante della sindrome di Stoccolma, non vedrà l’ora di far ripartire daccapo l’opera dei propri carnefici musicali.
A Gaze Blank And Pitiless As The Sun è un lavoro che non lascia respiro in virtù dell’assenza di momenti consolatori: il dramma dell’esistenza è ben rappresentato dallo splendido e versatile utilizzo delle diverse voci; pur provenendo dalla stessa nazione e agendo, a grandi linee, all’interno dello stesso genere, i Whelm si pongono agli antipodi dei Saturnus dal punto di vista dell’approccio, riuscendo però ad eguagliarne la qualità pur optando per sonorità necessariamente meno immediate e di più lenta assimilazione.
L’ennesimo grande disco da spiattellare sul naso di chi pensa che il doom sia un genere musicale stagnante …

Tracklist :
1. Tann Døkka Jørð
2. The Brazen Bull
3. From the Trenches of Perception
4. Perpetual Blindness
5. Delphine La Laurie
6. The Wrecked Orchestra
7. Ghosts in the Undergrowth
8. Event Horizon

Line-up :
Alex Falkesgaard – Bass
Casper Axilgård – Drums
Atli Brix Kamban – Guitars, Vocals
Mikkel Putzek – Guitars, Vocals

WHELM – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Abyssal – Glacial

Con Glacial gli Abyssal alzano ulteriormente l’asticella qualitativa perché in questa traccia unica di oltre quaranta minuti dal doloroso incedere si compie l’ideale connubio tra la scarnificazione del sound e il più canonico e pesante susseguirsi dei riff.

Urza/Calliophis – Dawn of a Lifeless Age

Calliophis e Urza uniscono le loro forze proponendo lo split album Dawn of a Lifeless Age, molto interessante oltre che di durata corposa, con ciascun gruppo a proporre due brani inediti di durata superiore ai 10 minuti e, soprattutto, di ottimo livello qualitativo.

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico

Blazing Eternity – A Certain End of Everything

Un eccellente album come A Certain End of Everything può sorprendere solo chi non conosce i Blazing Eternity a causa del loro lungo silenzio discografico, perché sulle doti intrinseche di questa band non ci sono mai stati soverchi dubbi.