iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Wendy?! – In The Temple Of Feedback

Il quartetto romano ritorna tra i giovani ancora,come un novello Don Bosco, con questo nuovo album confermando l'attitudine ferrea della quale fa da sempre una vera e propria ragion d'essere.

Il quartetto romano ritorna tra i giovani ancora,come un novello Don Bosco, con questo nuovo album confermando l'attitudine ferrea della quale fa da sempre una vera e propria ragion d'essere.

Wendy?! – In The Temple Of Feedback

Leggenda – storia? – vuole che quel “simpatico” despota di Stanley Kubrick, per poter dare credibilità alla scena nella quale Jack Torrance impazzisce del tutto e minaccia moglie e figlio con un’ascia, abbia usato due pesi e due misure.

A Nicholson avrebbe chiesto nulla di più che essere se stesso visto che non era certo la follia quello di cui difettava l’attore del New Jersey, mentre per quanto riguarda la Duvall la avrebbe letteralmente esaurita provocandole un crollo psicologico che la portò a recitare la sequenza nelle condizioni nelle quali la si può vedere, senza finzioni, letteralmente disperata. Non meraviglia quindi che a distanza di quasi quarant’anni una punk band possa usare come ragione sociale una delle scene più iconiche della storia del cinema.

Il quartetto romano ritorna tra i giovani ancora,come un novello Don Bosco, con questo nuovo album confermando l’attitudine ferrea della quale fa da sempre una vera e propria ragion d’essere. Dentro a In the Temple of Feedback ci trovate pezzi come TNMA dove vien fuori l’amore per l’Australia dei Radio Birdman, l’evocativa Rock These Ancient Ruins, i richiami all’hard-punk inglese dei Birdhouse e dei Seers contenuti in Because of You, il roots ed il blues sporco e maleodorante alla Gun Club di Spider Girl.

Un discorso a parte lo meritano il mio pezzo preferito vale a dire What Did You Get un delizioso brano di power pop alla Hoodoo Gurus e la ballata finale A song for Johnny dove una magica armonica (amo i pezzi nella quale prorompe questo strumento) sorregge una canzone di un’intensità stupefacente.

Mi sbaglierò (certo di non farlo) ma questi Wendy?! vengono davvero da lontano; cosa me lo dice? Ascoltate i pezzi di questo disco e, ne sono certo, lo capirete anche voi

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Muddy Worries Fucked Up

Muddy Worries Fucked Up

la vera forza dei Muddy Worries è quella di essere poliedrici, di saper contaminare le loro canzoni con varie influenze restando assolutamente credibili.

The Brightest Room

The Brightest Room – Omonimo

Nel caso dei Brightest Room, dei quali ho avuto la fortuna di seguire la crescita artistica, si può, con cognizione di causa, parlare di questo nuovo lavoro come quello della completa maturità.