iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Vidharr – Cryo

Una delle migliori uscite del 2013 in ambito estremo

Vidharr – Cryo

Vidharr è il progetto della musicista romana Moerke, conosciuta per i suoi trascorsi nei doomsters Consummatum Est e attiva anche in altre band di spessore come gli ottimi Riti Occulti, che qui si avvale del supporto alla voce da parte di Andras.

Andando a riprendere con colpevole ritardo questo disco, uscito ormai quasi un anno fa, non si può che constatare, al termine dell’ascolto, che ci troviamo di fronte ad una delle migliori uscite del 2013, non solo in ambito nazionale.
Pertanto, essendo del tutto superfluo sfruttare questo spazio per ripetere concetti che, a grandi linee, molti altri hanno già fatto ottimamente ben prima di me, mi limiterò a dire che Cryo è un album che vive di una freschezza compositiva raramente riscontrabile, e che la sua collocazione in ambito black appare talvolta arbitraria, stante la capacità dei Vidharr di arricchire il songwriting di sfumature differenti ma sempre ben inserite nell’insieme .
Volendo trovare un rifermento immediato per i duo capitolino (anche se di fatto Andras risiede da tempo in Sudafrica) il primo nome che viene in mente sono gli Shining ma, nessuno di scandalizzi, Cryo è di gran lunga superiore rispetto alle uscite più recenti di della creatura di Kvarforth, proprio in virtù della sua carica dirompente e di uno sforzo compositivo dettato dalla passione piuttosto che dal mero calcolo.
Non c’è un solo punto debole nella folle corsa che prende il via dalla spettacolare Void, seguita dalla sfuriata quasi black’n’roll di Rust e dalla title-track, gemma dell’album nella quale il contributo di una voce femminile pulita conferisce inizialmente un tocco gothic (nel senso più positivo del termine), successivamente stravolto da un abrasivo mid-tempo capace poi di stemperarsi in irresistibili passaggi di chitarra dalla timbrica southern.
Un brano che brilla per originalità, non solo per la presenza di uno dei samples che i Vidharr utilizzano con oculatezza, andando a ripescare schegge tratte da quei film degli anni ‘50 nei quali attori e doppiatori elargivano alla loro recitazione quella particolare enfasi che può anche far sorridere risultando comunque, senza dubbio alcuno, affascinante.
Bolide, Bacteria e Processed non si rivelano certo da meno rispetto alla prima parte del lavoro, contribuendo a mantenere estremamente elevato il livello complessivo di Cryo e anche la scelta di recuperare un brano apparentemente fuori contesto come Blank, cover degli EyeHateGod, piazzandolo in chiusura del lavoro, nulla toglie e nulla aggiunge alla bontà di un disco che mi sento di consigliare senza alcuna remora a tutti gli appassionati, indipendentemente dai generi prediletti, visto che lasciar passare inosservato un disco di questa levatura sarebbe a dir poco delittuoso.

Tracklist:
1. Void
2. Rust
3. Cryo
4. Bolide
5. Bacteria
6. Processed
7. Blank

Line-up :
Andras – Vocals
Moerke – Vocals, Guitars

VIDHARR – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Urza/Calliophis – Dawn of a Lifeless Age

Calliophis e Urza uniscono le loro forze proponendo lo split album Dawn of a Lifeless Age, molto interessante oltre che di durata corposa, con ciascun gruppo a proporre due brani inediti di durata superiore ai 10 minuti e, soprattutto, di ottimo livello qualitativo.

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico

Blazing Eternity – A Certain End of Everything

Un eccellente album come A Certain End of Everything può sorprendere solo chi non conosce i Blazing Eternity a causa del loro lungo silenzio discografico, perché sulle doti intrinseche di questa band non ci sono mai stati soverchi dubbi.

Forever Falling – The Determinism of Essence in Matter

The Determinism of Essence in Matter, nonostante i riferimenti filosofici del titolo siano suggestivi di una certa profondità concettuale, è un lavoro che penetra con un certo agio le difese dell’ascoltatore grazie a un approccio sincero, fluido e privo di artifici al funeral death doom da parte dei Forever Falling.