iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Tucano – Cold Cold

I mezzi ed il sentire ci sono, insieme ad una notevole esplorazione musicale, ma il tutto rimane limitato ad una niccchia, seppure dorata.

Tucano – Cold Cold

Tucano alias David Starr, tastierista dei OneFuckOne, duo di elettro synth, arriva al secondo capitolo della sua avventura solista, dopo “Homeless Mandingo” del 2012.

Qui David si spinge ancora più avanti nella sperimentazione elettro, accentuando i loop ed accrescendo la paranoia.
In questi brani ci sono buone intuizioni ed una grande padronanza della musica elettronica, ma tutto è però piuttosto confuso e frammentario. La frammentarietà nella sperimentazione non è un gran problema, ma a mio avviso se il lavoro fosse un po’ meno ambizioso sarebbe molto migliore.
I mezzi ed il sentire ci sono, insieme ad una notevole esplorazione musicale, ma il tutto rimane limitato ad una nicchia, seppure dorata.
Classicamente sperimentale anche il formato, ovvero un’edizione limitata a 100 musicassette nere.

Tracklist:
1. Cold
2. Surprised
3. Three gods // Buy my sun
4. Trans ex autocontrol
5. Cazio
6. I.D.B.P.
7. Must be love
8. The guy – – The stereo
9. Feed your eyes // Buy my sun
10. Time
11. Cold cold // Tutaj

Line-up :
David Starr : Synth, chitarra, voce.
Jabbaboy feat.Pruzzo : Sassofono.

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Intervista Michele Borgogni

Abbiamo avuto la fortuna di fare due chiacchiere con Michele Borgogni, scrittore aretino di weird, fantascienza, ma soprattutto cantore di storie belle, interessanti e che nascono spesso dal nostro quotidiano, che è già molto weird di suo.