iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Top Banana – Tape Series 2014

Onirica elettronica fatta a mano dal duo Dorothy Kinkaiaard e Jonathan Kiwi.

Top Banana – Tape Series 2014

Onirica elettronica fatta a mano dal duo Dorothy Kinkaiaard e Jonathan Kiwi.
I Top Banana sono un duo di elettronica d’antan, e coinvolgono diversi campi nelle loro performances.
Queste Tape Series sono 12 uscite, una per ogni mese per tutto il 2014, in streaming e digital download.

Come copia fisica ne esiste solo una al mondo, che nasce dalla registrazione dei pezzi su di un 4 piste a cassetta, da qui parte il master per lo streaming digitale e per la realizzazione della copia analogica. La cassetta utilizzata verrà poi rimaneggiata per ulteriori registrazioni, così da essere davvero unica.
Tutto è speciale in questo originalissimo progetto, anche le copertine delle cassette, che nascono dalle immagini dei live e vengono catturate in video, da cui sono estratti alcuni screen-shots che diventano poi le copertine digitali: da queste nasce infine il layout impacchettato dall’artista dei pattern Angela Rosa Gastaldo in un packaging realizzato a maglia.
Una cosa unica al mondo, un sogno che travalica i confini per diventare mille altre cose differenti.
La musica non è affatto in secondo piano, essendo un’elettronica molto roots, fatta in analogico e davvero potente, anche se si va verso l’ambient.
Top Banana è il do it with another people dell’elettronica, una condivisione anche fra le stesse discipline, musica, arti visive e grafica.
Una via altra da tenere assolutamente d’occhio, anche per l’incredibile cura con la quale viene eseguita ed anche spiegata.
Un gioiello.

TOP BANANA – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Intervista Michele Borgogni

Abbiamo avuto la fortuna di fare due chiacchiere con Michele Borgogni, scrittore aretino di weird, fantascienza, ma soprattutto cantore di storie belle, interessanti e che nascono spesso dal nostro quotidiano, che è già molto weird di suo.