The Trip Takers – The Trip Takers Collection

The Trip Takers - The Trip Takers Collection

The Trip Takers – The Trip Takers Collection

The Trip Takers - The Trip Takers CollectionE ora che ne faccio di tutta la mia collezione di materiale dei Trip Takers? E già perché io sono una fra gli – spero molti – fortunati che può annoverare nella sua collezione l’intera discografia della mai abbastanza lodata band oggetto di queste righe.

Per chi non avesse già provveduto a far suoi i precedenti lavori del gruppo ci pensa Area Pirata, con la consueta puntualità, a dare alle stampe tutto ciò che la band siciliana ha finora inciso. Potrei ora rimandarvi alle mie precedenti recensioni per dirvi cosa troverete in questo cd, ma questo ovviamente non farebbe onore a questa raccolta che è uno scrigno pieno delle perle che i nostri hanno donato agli amanti di un sound tanto “fuori moda” da apparire (da essere) quanto di più attuale e stimolante si possa udire oggigiorno.

Avete stravisto e stravedete tuttora per gruppi quali Optic Nerve e Allah-Las?

Ebbene sappiate che anche da noi c’è chi suona – egregiamente – questo tipo di cose. E si potrebbero fare altri nomi pesanti tipo i Love, i Plan 9, gli Head and the Hares, ma sarebbe riduttivo nei confronti del quintetto messinese. Quindi fate vostre queste diciotto canzoni di puro garage/folk/psych/punk e chi più ne ha più ne metta visto che dare etichette è relativamente semplice anche se poi è chi ascolta che trova in una band le emozioni che cerca, e qui di emozioni se ne trova a iosa.

Chi li ha visti dal vivo me ne ha parlato strabene, io questa fortuna non l’ho ancora avuta, ma non dubito che quanto riportatomi sia la verità, nient’altro che la verità, d’altronde lo giurano. Per quanto mi riguarda ho deciso cosa farò di questo cd; lo regalerò al mio miglior amico. Non sono un collezionista compulsivo – dio me ne guardi e liberi – e poi pensare di donare ad una persona che potrà apprezzare cotanta meraviglia, mi rende felice. In fondo si vive di piccole cose e più persone faranno la conoscenza dei Trip Takers meglio sarà.

Io, nel mio piccolo, ne ho sempre tessuto le lodi e, se avessi convinto qualcuno ad approcciarsi a loro, avrei fatto il mio sporco lavoro.

Track List
1) Don’t Care About Time,
2) Spend my Time with You,
3) Someone Else,
4) Misty Shore,
5) Above,
6) You’are Not Me,
7) Jumper Blues,
8) Another One,
9) Let Me Sall,
10) Shake Appeal,
11) Don’t Back Out Now,
12) All I Want,
13) Gamblin’Gal,
14) Tke Knight & the Hag,
15) Misty Shore #2,
16) Another One #2,
17) Why Don’t you come home?,
18) Wonder for a Way

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati