The Soft Pink Truth – Why Do The Heathen Rage ?

The Soft Pink Truth – Why Do The Heathen Rage ?

In definitiva un disco di profanazione gay del black metal, in chiave elettronica.
L’affare è talmente paradossale da funzionare benissimo, anzi è in qualche misura geniale, nonché prodotto molto bene.

Il colpevole dell’atto di ubris è Drew Daniel, titolare nei Matmos e metallaro non convenzionale.
Il tutto parte dalla rabbia di Daniel verso le tematiche sessiste e razziste del black metal, quel perdersi in quell’oscuro meandro politico descritto benissimo nel libro “Come lupi tra le pecore”. Daniel, che è attivo dal 2001 come The Soft Pink Truth, lanciato da Matthew Herbert ed autore di molti remixes di successo, mette a nudo il razzismo, il nazismo e l’omofobia che sono insiti in certo black metal, impedendo allo stesso genere di essere un metodo di elevazione verso un qualcosa di diverso.
Drew riesce a fare un disco particolarissimo e bellissimo, di un’elettronica davvero diversa dal resto, e rimane molto forte l’afflato black metal, almeno nella costruzione del pezzo.
Partendo da una critica gay al genere, ne sublima le vere fondamenta, e mette a nudo l’ascoltatore, responsabilizzandolo. Non si può sentire Burzum e dire, mi piace come suona, se ciò che dice è totalmente senza senso. Il discorso di Daniel è una critica verso il black metal ponendolo su un altro piano ed è anche un attacco alla mente ristretta di tanti metallari, nonché di molti ascoltatori di elettronica.
L’opera possiede diversi livelli di lettura, tutti molto interessanti: lo si può sentire come un disco di elettronica di alto livello, oppure se ne possono seguire gli stilemi sperimentali di scambio con il black metal.
E’ notevole anche il tentativo di cercare di fare un disco di un genere usando il codice musicale di un altro.
Qui si va oltre la musica, in una critica che mette in luce il vero spirito del black metal, poiché è troppo importante ciò che rappresenta per lasciarlo a dei nazi.
Disco notevolissimo, unico nel suo genere e anche di più.

Tracklist:
1. Invocation for Strength
2. Black Metal
3. Sadomatic Rites
4. Ready to Fuck
5. Satanic Black Devotion
6. Beholding the Throne of Might
7. Let There Be Ebola Frost
8. Buried by Time and Dust
9. Maniac
10. Grim and Frostbitten Gay Bar

www.thrilljockey.com/thrill/The-Soft-Pink-Truth/Why-Do-the-Heathen-Rage

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati

Tropical Fuck Storm - Submersive Behaviour_cover

Tropical Fuck Storm – Submersive Behaviour

È qui e richiede attenzione, perché i Tropical Fuck Storm hanno dimostrato più volte di saper far bene, di saper maneggiare il rock (alternativo, indie, noise, quello che volete) meglio di tanti altri – ma direi di quasi tutti.

Luca Ottonelli

Luca Ottonelli. E’ nato a Genova nel 1969 e ho completato i primi studi artistici avendo come maestro di Figura G. Fasce.