iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : The Satelliters – Girl It’s Over

The Satelliters, Girl it's over – 7” perfetto floor-filler per garagisti assatanati!

The Satelliters – Girl It’s Over

Come ogni garage band degna di marcarsi addosso tale etichetta, rispettando al contempo i mostri sacri del genere, anche i The Satelliters sfornano questo succulento 7″: Girl It’s Over.

Non sono certo dei novellini, visto che sono attivi dal 1993, e da allora non hanno fatto altro che ascoltare tutto lo scibile del garage e dell’R&B che va dai Kinks agli Shadows Of Knight e ai Byrds, studiandone ogni singolo solco, in modo da assimilarlo, farlo proprio e riversarlo direttamente su questo 45 giri.
Prodotto da Lolo Brumler e The Satelliters e registrato e mixato agli Ironbar Studios, Darmstadt (Germania) propone sul lato A l’omonimo Girl It’s Over . E’ una cover molto incattivita dei garagisti texani Six Deep (1967) e la chitarra di Zahni la fa da padrone sia sulla ritmica pulita che sugli assoli al Tone Bender, ben assistito dall’organo di Steve.
When I’m In-Between è un pezzo originale della band e ricorda i bei giri a quattro accordi firmati Fuzztones, beh del resto sono praticamente connazionali di acquisizione, ma al contempo riprende anche le ritmiche ossessive in stile dei Count Five e finale alla Midnight to six man dei Pretty Things.
Il tutto è impacchettato con una “rossa in regicalze” , firmata da Rui Ricardo, marchio di fabbrica della Chaputa! Records. Perfetto floor-filler per garagisti assatanati!

Tracklist:
Lato A
1. Girl It’s Over
Lato B
2. When I’m In-Between

Line-up:
Steve – Vocals, Organ, Harp, Tambourine
Alex – Drums
Diego – Bass-Guitar, Backing-Vocals
Zahni – Guitar, Backing-Vocals

THE SATELLITERS – Facebok

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

The Devils – Sin, You Sinners!

Potrei parlare e descrivervi i brani e le sensazioni provate, ma non sarebbe mai la stessa cosa, per cui piazzate il 12″ sul vostro piatto e godetevi la pura e inarrestabile violenza punkblues dei Devils!