iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : The Haggis Horns – One Of These Days

la band di Leeds colpisce un'altra volta il bersaglio, con un disco che è un piacere dall'inizio alla fine e che riallinea il nostro spirito con la felicità ed il groove.

The Haggis Horns – One Of These Days

Quarto disco per il miglior gruppo inglese di funk soul e non solo.

Gli Haggis Horns sono in giro da 20 anni, e in questi anni sono costantemente migliorati, e oggi arrivano vicini alla perfezione sonora con questo disco. Rispetto agli altri del gruppo questo disco ha un tiro funk soul micidiale, e ha la sua forza nella commistione. Per tutta la lunghezza del disco si respira uno spirito di divertimento e di capacità musicale davvero di alto livello, il funk scorre copioso e permea tutto.

Il suono di questi inglesi ricorda molto anche quel gran momento musicale che è stato l’acid jazz, ovvero il tentativo di legare insieme generi diversi, come il rap, il funk e il soul, per ottenere un suono decisamente innovativo. Qui lo spirito è quello, anche se ovviamente il suono non è lo stesso, ma si può ascoltare un qualcosa di totalmente originale, perché gli Haggis Horns hanno una classe molto grande e rendono piacevole tutto ciò che suonano.

La loro musica non è mero accompagnamento, possiede una profondità notevole, è quasi un disco da meditazione, ma ci sono anche momenti spensierati ed è sempre presente un groove notevole. Quando compare poi anche il soul si raggiungono vette altissime, mantenendo sempre un atteggiamento molto stradaiolo e sbarazzino, da vera band popolare inglese, perché questa in Inghilterra è musica popolare.

Molti e azzeccati gli ospiti che sono un bel valore aggiunto.

Insomma, la band di Leeds colpisce un’altra volta il bersaglio, con un disco che è un piacere dall’inizio alla fine e che riallinea il nostro spirito con la felicità ed il groove.

TRACKLIST
01 Curse Of The Haggis
02 New York Beat feat. Lucinda Slim
03 Take It Back feat. Doc Brown
04 World Gone Crazy feat. Lucinda Slim
05 What’s It All About feat. Doc Brown
06 All Fuzzed Up
07 The Long Way feat. John McCallum
08 Gonna Be Alright
09 One Of These Days feat. John McCallum

LINE-UP
Malcolm Strachan – Trumpet/Flugelhorn.
Atholl Ransome – Tenor, Flute.
Rob Mitchell – Alto/Baritone.
Ben Barker – Guitar.
Erroll Rollins – Drums.
George Cooper – Keys.
Kenny Higgins – Bass

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Blocco Nero – Cronache

A distanza di dieci anni dall’ultima apparizione discografica torna il Blocco Nero, una delle più interessanti avventure musicali degli ultimi anni. Il Blocco Nero tornano con “ Cronache” un disco che racchiude 8 canzoni che sono otto date importanti per la storia italiana e non

Morta Skuld – Creation undone

Morta Skuld: un disco che pareggia e forse supera le uscite migliori della loro gloriosa carriera, death metal senza compromessi alla carica sempre.